Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Messaggi, foto e telefonate a decine di persone, giovane finisce sotto processo per molestie

L'imputato si difende: "Ho utilizzato un telefono trovato per strada". Secondo l'accusa avrebbe inviato una foto con bambini nudi ad una coppia

Sms, mms e chiamate mute ad almeno dieci persone. Messaggi intimidatori e molesti. Sono i comportamenti che hanno portato davanti al giudice un uomo, difeso dagli avvocati Franco Libori e Fabrizio Schettini con l’accusa di molestie e diffusione di materiale pedopornografico.

In aula sono comparse, per testimoniare, due della dieci vittime della molestie telefoniche. Rispondendo alla domande del pubblico ministero hanno cercato di ricostruire i fatti e i motivi delle molestie. Entrambe le vittime hanno affermato di non conoscere l’imputato e di non sapere perché ricevessero telefonate mute, immagini dell’uomo intento a scalare montagne oppure sms (i fatti sono avvenuti nel 2011) con presunte minacce o proposte esplicite.

Altre due presunte vittime, costituitesi parte civile tramite l’avvocato Nerio Zuccaccia, saranno sentite la prossima udienza. La loro denuncia è quella che ha portato all’accusa più grave, in quanto tra le immagini moleste ricevute, ve n’erano anche alcune che ritraevano bambini nudi.

L’imputato si difende e sostiene di non aver inviato alcun messaggio o foto compromettente, ma solo di aver trovato un cellulare sotto la sua autovettura e, scioccamente, di averlo utilizzato con la sua scheda telefonica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messaggi, foto e telefonate a decine di persone, giovane finisce sotto processo per molestie

PerugiaToday è in caricamento