"Sei una madre svogliata e incapace", anni di umiliazioni e aggressioni: ex a processo

Secondo l'accusa la donna avrebbe subito maltrattamenti anche quando era incinta. Per l'uomo, rinviato a giudizio nel 2014, si sono aperte le porte del processo

Una violenza spesso consumata all'interno delle mura domestiche, silenziosa e lontana da occhi indiscreti. Una famiglia in crisi, poi umiliazioni, aggressioni, incomprensioni che si spingono fino al limite e si trasformano in un incubo. E' quello che è accaduto ad una coppia perugina, ed ora a salire sul banco degli imputati è l'ex marito, rinviato a giudizio nel 2014 con l'accusa di maltrattamenti in famiglia con la contestazione delle circostanze aggravanti. La vicenda ha fatto una breve apparizione in tribunale, per l'uomo all'epoca dei fatti fu anche disposto il divieto di avvicinamento dalla consorte, ad oggi terminato.

Secondo la pubblica accusa "reiteratamente l'avrebbe ingiuriata con epiteti offensivi (mamma vergogna, svogliata, incapace) criticandola nelle sue capacità di accudimento dei figli minori e delle scelte educative, disinteressandosi dei bisogni materiali e morali della stessa, nonchè inveendo contro di lei durante banali discussioni". E ancora, sempre secondo l'accusa- l'avrebbe aggredita fisicamente anche spingendola con forza quando la donna era in gravidanza, con schiaffi, spinte, strattonandola e spingendola. Minacciando di percuoterla e di farle del male anche davanti ai figli piccoli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, difesa dall'avvocato Gabriele Stafficci, si è costituita parte civile nel processo contro l'ex marito, mentre l'imputato è difeso dall'avvocato Massimo Rolla, che sottolinea: "Nonostante i problemi con la moglie è sempre stato un padre esemplare per i suoi figli. Anche per questo la separazione alla fine è diventata consensuale anzichè giudiziale. Ha sempre rispettato il divieto che gli fu posto di non avvicinarsi alla moglie mentre con i figli ha sempre mantenuto un ottimo rapporto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento