menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoratori della Darvin senza stipendio: "Incontro con Romizi o sciopero"

Le organizzazioni sindacali, in un incontro con il Presidente della Darvin, Massimo Nicolini, hanno appreso che l'azienda, a causa delle difficoltà economiche derivanti dagli aumenti delle tariffe energetiche, non è in grado di sostenere la gestione sulla base dell'importo complessivo dell'appalto stipulato

Cgil e Cisl dell'Umbria comunicano che i lavoratori della Darvin, la società che gestisce in appalto la quasi totalità degli impianti sportivi del Comune di Perugia, non percepiscono gli stipendi da tre mesi, pur avendo in questo periodo garantito comunque la fruibilità degli impianti stessi alla cittadinanza. Le organizzazioni sindacali, in un incontro con il Presidente della Darvin, Massimo Nicolini, hanno appreso che l'azienda, a causa delle difficoltà economiche derivanti dagli aumenti delle tariffe energetiche, non è in grado di sostenere la gestione sulla base dell'importo complessivo dell'appalto stipulato a suo tempo con il Comune di Perugia.

“La sensazione ricavata – si legge in una nota stampa scritta da Cigl e Cisl -, tuttavia, è quella di una gestione poco accorta dell'attività, aggravata da alcune scelte sbagliate in tema di investimenti, che hanno nel tempo condotto alla situazione di oggi, che alla fine scarica tutti gli effetti negativi sui lavoratori dipendenti dalla società, i quali, oltre al problema degli stipendi, avendo l'azienda prospettato la possibilità di avviare una procedura concorsuale, rischiano in concreto di trovarsi senza lavoro già a partire dal mese di gennaio 2015”.

I sindacati, data la situazione, hanno per due volte richiesto al Comune di Perugia, principale committente della Darvin, di convocare un incontro, prima all'assessore allo Sport e poi direttamente al Sindaco, per affrontare tutti i problemi, senza però aver avuto ancora alcuna risposta, fatto di per sé inaccettabile, in quanto i problemi sono gravi e il futuro dei lavoratori non può essere lasciato nella totale incertezza.

Per questo, insieme ai lavoratori, le scriventi organizzazioni sindacali, unicamente per non creare improvviso disagio ai cittadini utenti, hanno deciso di attendere fino al prossimo 4 dicembre la convocazione dell'incontro richiesto al Comune di Perugia. Qualora l’incontro non si tenesse i lavoratori inizieranno lo sciopero a partire dal 5 dicembre prossimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento