menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pellini, il medico-nuotatore vuole battere il record del mondo in piscina per aiutare l'Aism

Alla piscina Pellini sabato 10 e domenica 11 ottobre andrà in scena la “100 km no-stop in vasca corta”

Marco Fratini, professione medico, proverà a conquistare un record del mondo nella sua Perugia. Alla piscina Pellini sabato 10 e domenica 11 ottobre andrà in scena la “100 km no-stop in vasca corta” che vedrà impegnato il nostro campione che tenterà di nuotare senza interruzioni per circa 35-36 ore accompagnato dal calore dei tanti appassionati.

“Questa avventura  - ha chiarito Fratini nel corso della presentazione a Palazzo dei Priori – nasce circa un anno fa quando si decise di tentare il record durante un evento previsto per il mese di marzo. Purtroppo l’emergenza sanitaria da covid-19 ha reso impossibile procedere con la gara; nonostante ciò ho continuato ad allenarmi senza sosta per farmi trovare pronto a questo appuntamento che unisce sport e solidarietà visto che tutti i proventi saranno donati all’Aism”.

Oltre all’evento principale, ossia il tentativo di record del mondo, la due giorni perugina sarà arricchita da tante iniziative collaterali nel corso delle quali si potrà donare ad Aism e divertirsi. L’evento è frutto della stretta collaborazione tra lo staff del nuotatore perugino, Aism, Comune di Perugia, amatori nuoto, Toy motor e Croce Rossa. Per tutti coloro che volessero farlo, sarà possibile nuotare insieme a Marco Fratini, accompagnandolo nella sua impresa, prenotandosi tramite il sito www.amatorinuoto.com.

Tra i più ferventi sostenitori del nuotatore perugino c’è il Comune di Perugia, rappresentato in conferenza dall’assessore Clara Pastorelli e dalla consigliera Daniela Casaccia.

“Quando a marzo è saltato l’evento a causa del covid-19 – ha sottolineato Pastorelli – non avevo dubbi sul fatto che Marco Fratini non avrebbe mollato, riproponendo questa iniziativa in altra data. E così è stato. Si tratta di un’iniziativa cui teniamo molto: Perugia, infatti, da qualche mese è ripartita dallo sport, una delle poche città italiane a farlo, riaprendo gli impianti a tutte le discipline. Pur in mesi difficili, abbiamo ottenuto grandi risultati a conferma del fatto che lo sport dà segnali di speranza, coraggio e vita. In sostanza l’impresa di Marco Fratini ci consentirà di coniugare valori come amicizia e solidarietà all’interno dello sport, mai come questa volta veicolo della rinascita”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento