Cronaca

Ragazzini rubano abbigliamento e accessori, ma vengono scoperti e pagano la merce

Uno dei due è finito sotto processo (l'altro era minorenne), ma è stato assolto perché non ha portato nulla fuori dal negozio

Entrano da H&M a Collestrada e vengono accusati di aver tentato di rubare vestiti e accessori. Uno dei due, minorenne, viene affidato al tutore legale, l’altro finisce sotto processo.

Il tentato furto, perché alla fine i due giovani non hanno rubato nulla, risale a cinque anni fa, fa l’ultima udienza si è celebrata solo oggi.

L’unico imputato, difeso dall’avvocato Giuseppe De Lio, è stato assolto perché il fatto non sussiste. Cioè è avvenuto, ma non si configura il reato.

I due giovani erano entrati nel negozio e aveva preso un giacchetto, due magliette, un paio di occhiali da sole e una collanina. Secondo l’accusa si erano chiuso in un camerino e avevano iniziato a togliere le placche antitaccheggio. Avevano fatto troppo rumore e una commessa si era accorta di tutto.

Invitati ad uscire dal camerino avevano consegnato tutta la (apparente) refurtiva. Per un importo di 83 euro e 94 centesimi. I capi di abbigliamento erano senza placca antitaccheggio, mentre gli oggetti erano integri.

I due ragazzi avevano pagato la merce danneggiata e riconsegnato quella integra. Cosa che non li aveva salvati da una denuncia. Per il giudice, però, avendo pagato la merce e non avendo portato fuori dal negozio gli oggetti, il reato di furto non si configura più. Da qui l’assoluzione per l’unico imputato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzini rubano abbigliamento e accessori, ma vengono scoperti e pagano la merce

PerugiaToday è in caricamento