rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca

Paga i fornitori con due assegni e poi ne denuncia lo smarrimento: sotto processo per calunnia

L'uomo aveva prima consegnato i titoli e poi fatto denuncia, accusando i due di ricettazione

Un 52enne è finito davanti al giudice per rispondere dell’accusa di calunnia nei confronti di due persone alle quali aveva dato degli assegni come pagamento, ma poi denunciando lo smarrimento dei titoli per evitare che incassassero il denaro.

L’uomo, difeso dall’avvocato Silvia Terradura, secondo la Procura avrebbe denunciato lo smarrimento di alcuni assegni, sapendo che non era vero.

In particolare avrebbe denunciato, ai Carabinieri di Bastia Umbra, lo smarrimento di un assegno di 3.750 euro e di un altro titolo di 5 mila euro, che due persone avevano tentato di incassare in banca.

Dalle indagini è emerso che li avrebbe incolpati “di aver ricettato o di essersi appropriati di detti titoli, pur sapendoli innocenti” avendo egli stesso “consegnato gli assegni dopo averli compilati e sottoscritti” a favore delle due persone come pagamento loro dovuto per lavori e servizi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paga i fornitori con due assegni e poi ne denuncia lo smarrimento: sotto processo per calunnia

PerugiaToday è in caricamento