menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dagli Arconi al Frecciarossa: il punto di Italia Nostra sui nodi da sciogliere

Luigi Fressoia, presidente di Italia Nostra, sezione di Perugia, fa il punto su quanto finora messo in campo, ma soprattutto sull’attività prevista per l’anno 2018

Luigi Fressoia, presidente di Italia Nostra, sezione di Perugia, fa il punto su quanto finora messo in campo, ma soprattutto sull’attività prevista per l’anno 2018.

Intanto, rileviamo il successo del convegno del  25 marzo "Fontivegge-Milano in Tre Ore", le cui linee di fondo sono state raccolte dal mondo politico che è addirittura arrivato ad accapigliarsi per assumere la primogenitura del progetto.

Dice Fressoia: “È auspicabile organizzare un secondo convegno sulla mobilità interna alla conurbazione perugina, imperniato sulla proposta di tecnologia Tram-Treno”

Aggiunge: “È auspicabile la nostra partecipazione al Pums (Piano Urbano Mobilità Sostenibile) del Comune di Perugia. Come pure prevediamo eventuali azioni a favore del nuovo assetto ferroviario Italia Centrale, basato sulla Variante per l'Aeroporto di S. Egidio della linea nazionale Ancona-Roma.

E sul versante del paesaggio?

“Dando seguito al documento "Panorami Perduti", bisogna portare avanti rapporti congiunti con Università,  azienda di smaltimento rifiuti e azienda di manutenzione del verde pubblico per addivenire a proposte adeguate alla vastità e profondità del problema”.

Vuole ricordare un progetto prioritario?

“La re-istituzione del Gruppo Trasimeno con Alessandra Tassini e Roberto Cocchini e la difesa del Colle della Trinità”.

Proposte e progetti ?

“Avvertiamo l’esigenza, prioritaria e indilazionabile, di un'idea progettuale valida per Piazza Grimana. Segnaliamo il Premio Postignano (d'intesa col nazionale) sui migliori interventi di recupero/restauro effettuato nei centri storici italiani”.

Esiste un piano d'azione per i Beni Artistici negletti o a rischio?

“Per la difesa dei beni culturali stiamo adoperandoci sulla questione degli Arconi, anche col Nazionale. Altre idee e azioni sono in cantiere sul Centro Storico di Perugia (d’intesa con altre associazioni e gruppi), contro brutture e irrazionalità. C’è, infine, la questione, aperta e gravissima, del terremoto a Norcia e dintorni”.

?Riguardo all’ambiente?

“Siamo per riprendere la questione rifiuti, alla luce della grave crisi che attanaglia Gesenu e offriremo pieno sostegno ai comitati di Tavernelle sull'inquinamento della Centrale Enel”.

Sull’urbanistica?

“Per noi è indispensabile una riprogettazione delle periferie, tra questioni di macroeconomia e problemi che attengono anche al valore, tutt’altro che secondario, dell’estetica”.

In quali modalità comunicative si esplicherà il vostro impegno?

“Continueremo a informare l’opinione pubblica con comunicati e articoli  su questioni di volta in volta emergenti”.

Come si vede, non solo un denso cahier de doléances, ma iniziative che hanno carattere di concretezza e partecipazione della comunità alle scelte delle amministrazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento