Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Covid in Umbria, il bollettino del 21 marzo: tutti i dati aggiornati

Gli attualmente positivi sono 20982, processati 563 tamponi e 3.391 test antigenici

La curva del contagio in Umbria inizia a stabilizzarsi - con attualmente positivi e isolamenti contumaciali ancora a quota 20mila -, ma si registrano tre nuovi decessi, 764 nuovi positivi e un aumento dei ricoveri ospedalieri. Nell'ultimo giorno sono 713 i guariti dal Covid-19 in Umbria. 

Secondo il bollettino della Regione Umbria e della Protezione Civile, aggiornato alle 10.01 del 21 marzo 2022, sono 20.982 (+48 rispetto al 20 marzo) gli attualmente positivi al coronavirus in Umbria. Nelle ultime 24 ore sono stati processati processati 563 tamponi e 3.391 test antigenici. 

Cattura-90-81

Al 21 marzo sono 202 (+9 rispetto al 20 marzo) i ricoverati negli ospedali dell'Umbria, di cui 6 (dato invariato) in terapia intensiva, e 20.780 (+39 rispetto al 20 marzo) gli isolamenti contumaciali. 

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono 216.276 (+764) i casi totali di positività al coronavirus registrati in Umbria, 193.517 (+713) i guariti, 1777 (+3) i decessi, 1.565.530 (+563) i tamponi effettuati e 2.325.890 (+3.391) i test antigenici eseguiti. 

Cattura-90-82 

Ecco i dati comune per comune 

ATTUALMENTE POSITIVI 

DECEDUTI 

Covid in Umbria, l'analisi della curva e dei contagi

"Primi timidi segnali di rallentamento per la recente crescita dei contagi in Umbria", scrive su Facebook Luca Gammaitoni, professore di Fisica Sperimentale dell'Università degli Studi di Perugia. "Come avevamo anticipato nelle settimane scorse - spiega lo scienziato - , la rapida crescita del numero dei nuovi positivi (curva rossa in alto) ha trascinato anche la crescita degli ospedalizzati (curva gialla in basso). Anche il resto dell’Italia alla fine ha seguito il nostro percorso, con un po’ di ritardo". 

275900233_10222081978301887_1602851945407598322_n-2

Per Gammaitoni "sembra profilarsi in Umbria un rallentamento della crescita del numero dei nuovi contagi giornalieri. Se questi segnali verranno confermati dai dati di questa settimana, allora potremo guardare al raggiungimento di un massimo e conseguente decrescita del numero dei positivi (curva tratteggiata blu) che porterà, a seguire, anche un nuovo calo delle ospedalizzazioni (curva tratteggiata rossa)".

La fascia più colpita dal Covid, aggiunge, "rimane quella dei giovani (14-20) e giovanissimi (6-11) che, grazie alla maggiore contagiosità della variante in corso e alle abitudini sociali, contribuiscono ad una maggiore circolazione del virus".

Secondo il professore dell'Unipg "per uscire presto e bene dall’epidemia occorre limitare la circolazione del virus e questo si ottiene solo vaccinandoci e continuando ad usare prudenza nei contatti sociali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid in Umbria, il bollettino del 21 marzo: tutti i dati aggiornati
PerugiaToday è in caricamento