Cronaca

Coronavirus, Umbria: lavoratori dello spettacolo 'in piazza' contro l'ultimo Dpcm

Prima una diretta social organizzata dalla Cgil umbra, due giorni dopo la giornata di mobilitazione nazionale indetta dopo le ultime restrizioni varate dal governo

Tra i settori penalizzati dalle nuove restrizioni varate dal Governo con il Dpcm del 24 ottobre c'è anche quello della cultura e dell'intrattenimento, con il decreto (in vigore fino al 24 novembre che da oggi (lunedì 26 ottobre) sospende "gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto".

E in attesa della giornata di mobilitazione nazionale indetta indetta da Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil per venerdì (30 ottobre), i lavoratori umbri dello spettacolo faranno sentire la loro voce scendendo virtualmente in piazza. Tra due giorni infatti (mercoledì 28 ottobre) alle ore 16 è in programma una diretta sulla pagina Facebook della Cgil Umbria, dove attrici, musicisti, tecnici e sindacalisti si confronteranno online. Alla diretta parteciperanno Enrico Bruschi (segretario generale Slc Cgil Umbria), Emanuela Faraglia (attrice e responsabile produzione culturale Slc Cgil Umbria), Maria Chiara Tofone (Sezione attrici e attori italiani), Marco Dellatorre (tecnico del suono), Marco Sarti (musicista e direttore artistico), Vincenzo Sgalla (segretario generale Cgil Umbria) e Fabio Scurpa (Slc Cgil nazionale).

"Tutto il settore dello spettacolo - si legge in una nota della Cgil Umbria - è stato colpito dai provvedimenti per arginare l’epidemia da Covid-19. Il comparto quindi è in grandissima sofferenza e troppi lavoratori non hanno ancora ricevuto gli ammortizzatori o le indennità e sono ancor oggi senza tutele garantite, nonostante le promesse. I dati sulla crescita del contagio, il fatto che per lunghi mesi non si potrà tornare alla normalità, richiedono di individuare con certezza sostegni per lavoratrici, lavoratori e imprese per un periodo lungo a partire da un piano di rilancio utilizzando anche le risorse del Recovery Fund". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Umbria: lavoratori dello spettacolo 'in piazza' contro l'ultimo Dpcm

PerugiaToday è in caricamento