menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Natività dello Spagna torna a Perugia nella chiesa di S. Antonio abate di corso Bersaglieri

Intendiamoci: non l’originale, che sta al Louvre, ma una copia talmente perfetta che lo stesso vescovo Giulietti ne è rimasto entusiasta, tale è il colpo d’occhio che l’opera offre

La Natività dello Spagna torna a Perugia. Un evento che incrocia arte, fede, tradizione, identità. Si vedrà, a breve, nella chiesa di S. Antonio abate, in corso Bersaglieri, la Natività di Giovanni di Pietro (detto lo Spagna). Intendiamoci: non l’originale, che sta al Louvre, ma una copia talmente perfetta che lo stesso vescovo Giulietti ne è rimasto entusiasta, tale è il colpo d’occhio che l’opera offre.

Le spoliazioni napoleoniche hanno privato la bella chiesa del Santo col porcellino di questa splendida opera e un gruppo di borgaroli della Pesa si è fatto promotore (e finanziatore) dell’impresa. Sarà un’opportunità per rivedere, a casa nostra, ciò che ci hanno colpevolmente sottratto. E sarà un bel vedere perché la fotoriproduzione in “ink jet fine art su tela hahnemüle” è splendida. E realizzata – manco a dirlo – su autorizzazione scritta e secondo le norme previste per le riproduzioni “Fratelli Alinari – Istituto Edizioni Artistiche”.

La scopertura dell’opera avverrà il prossimo 15 dicembre, alle 18:30, alla presenza del vescovo ausiliare monsignor Paolo Giulietti. Sarà la storica dell’arte Cristina Galassi a illustrare il dipinto. L’evento vedrà l’esibizione canora del soprano Marinella Pennicchi (borgarola doc) e del mezzosoprano Rosalba Petranizzi, accompagnate all’organo dal Maestro Eugenio Becchetti. Una festa per il borgo e per tutta la città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento