Caccia chiusa d'imperio dal Governo, esplode la protesta delle Regioni commissariate

L'assessore Cecchini: "Subito un incontro per chiarire la questione con il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e con il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Convocata la Consulta faunistico venatoria regionale

Barricate. E tutti insieme a protestare e a cercare di cavare il famigerato ragno dal buco. La caccia, per tre specie, è chiusa in anticipo. E allora “la Regione Umbria sta concordando insieme alle altre Regioni la richiesta di un incontro urgente con il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e con il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per chiarire una volta per tutte quali norme devono essere rispettate ora che ci apprestiamo a preparare i calendari per la prossima stagione venatoria”.

L’assessore regionale alla Caccia, Fernanda Cecchini, va all'attacco di Roma e punta i piedi: “Dopo l’inaccettabile atto d’imperio con cui il Governo, avvalendosi del potere sostitutivo straordinario, ha interrotto la caccia a tordo bottaccio, cesena e beccaccia – sottolinea l’assessore – vogliamo sapere perché non sono stati ritenuti più validi i calendari predisposti attenendoci rigorosamente alla legge nazionale 157/1992”. Di più, “E' dal 2010, e lo abbiamo ribadito più volte in varie sedi istituzionali senza ottenere risposta, che chiediamo al Ministro competente la conferma o meno dei periodi di caccia indicati nell’articolo 18 dopo che è intervenuta la direttiva comunitaria sulla conservazione degli uccelli selvatici”.

E ancora: “Poiché la legge nazionale è rimasta invariata – prosegue - esigiamo indicazioni certe e univoche sulle norme da rispettare e anche risposte in merito al rapporto istituzionale fra Regioni e Governo che, auspichiamo, prosegua in maniera più corretta rispetto a quanto abbiamo dovuto constatare con il ‘commissariamento’ di martedì”. L’assessore Cecchini nel frattempo ha convocato una riunione della Consulta faunistico venatoria regionale per venerdì 30 gennaio, nella sede dell’Assessorato regionale. “Sarà una prima occasione di confronto diretto con i rappresentanti delle associazioni venatorie – dice – in cui discuteremo delle modifiche al calendario venatorio che ci sono state imposte dal Governo. Parleremo, inoltre, del riordino delle funzioni amministrative in materia di caccia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento