menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attenzione alla mail con l’imbroglio inviata da sedicenti fornitori di servizi che assillano i perugini

Bufale e truffe con allegato un trojan che blocca computer o telefono

Mail con l’imbroglio. Phishing a go-go da sedicenti fornitori di servizi assillano i perugini. Bufale con attaccato un trojan.

Martellano a tutta randa e qualcuno rischia di caderci. Non è una novità, ma ultimamente sta assumendo i connotati di una grandinata di mail-trabocchetto.

Una serie di mail dichiarano provenire da Enel (anche con posta pseudo-certificata) e avvisano su un imminente distacco della fornitura di energia, causa il mancato pagamento di una bolletta.

L’invito a scaricare la fattura (per verificare) comporta che, se si abbocca, si aprirà la porta a un virus trojan (a tempo) che bloccherà il computer e provocherà un conseguente ricatto: o paghi o non riuscirai più a decrittare i tuoi dati. E spesso non finisce così perché, specie se dimostri solvibilità, continueranno a chiedere e a ricattare. Insomma, ti mandano una password che scade a breve e ti ritrovi nei panni di prima: ossia bloccato.

Il secondo inghippo è telefonico. Si qualificano come Tim e ventilano un consistente aumento. Subito dopo aggiungono che, se intendi cambiare fornitore, con un notevole risparmio, ti richiameranno a breve per definire il contratto.

Qui cade l’asino. Perché è trasparente il fatto che Tim (o chiunque sia il tuo attuale fornitore) non avrebbe alcun interesse a proporti il passaggio ad altri.

Se ne inventano una al giorno. Ed è bene stare ad occhi aperti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Attualità

Coronavirus, Vaccine Day in Umbria: 5.387 dosi somministrate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento