menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assisi vuole diventare la città del Natale in Italia: una piazza colma di presepi e la casa di Babbo Natale

Piazza del Comune diventerà la Piazza dei Presepi, vestita a festa con un gioco di luci suggestivo e inaspettato, il Teatro Metastasio si trasformerà in casa di Babbo Natale, e la Rocca Maggiore stupirà cittadini e turisti illuminandosi attraverso la tecnica del videomapping. Si preannuncia un Natale fuori dall’ordinario quello che sta per prendere forma nella Città di Assisi. Prime anticipazioni presentate oggi dal Sindaco, Stefania Proietti, insieme all’Assessore alla Cultura e Turismo, Eugenio Guarducci, nella Sala del Consiglio di Palazzo dei Priori, ad Assisi, che saranno al centro di un dialogo con i cittadini, mentre altre idee saranno portate avanti in collaborazione con la Confcommercio.

“Lo abbiamo sostenuto - dichiara Stefania Proietti - fin dall'inizio del nostro mandato: Assisi può, anzi deve, diventare una destinazione prioritaria, sia in Italia che all'estero, per coloro che vogliono trascorrere il tempo di Natale. Lo spirito con cui vogliamo animare la Città, con il contributo di tutti è lo stesso di San Francesco che, con l’espressione ‘voglio che in un giorno come questo anche i muri mangino carne’, esortava i suoi confratelli a festeggiare e gioire nel in cui è nato Gesù Bambino. Il Natale ad Assisi dovrà diventare la festa delle feste, una esperienza indimenticabile, piena di profumo di famiglia, di solidarietà, di gioia, di speranza. È un traguardo ambizioso ma non impossibile da raggiungere. Assisi ha tutte le potenzialità per farlo”.

L’assessore Guarducci non ha dubbi sulle potenzialità del programma per le Festività di quest’anno. “Al misticismo ed alla spiritualità legata alla storia della Città di San Francesco ovvero di colui che per primo dette vita al Presepe - ha aggiunto - dobbiamo saper aggiungere fattori attrattivi e distintivi in grande sinergia con tutte le realtà che vivono ed operano nella Città Serafica. Per farlo dobbiamo dedicare energie creative e risorse che iniziano ad esserci solo da quest’anno - grazie alle scelte di bilancio di questa amministrazione - e che nel 2018 verranno ulteriormente potenziate. Ma, soprattutto, dobbiamo continuare quel percorso già iniziato nel 2016 quando finalmente sono state raccolte, sotto una unica programmazione, tutte le iniziative che i soggetti protagonisti del territorio – religiosi e laici – e le numerose associazioni culturali portano avanti da anni con passione e dedizione. Tutto concorrerà a costruire una esperienza del Natale ad Assisi, con un lavoro lungo e paziente, di condivisione e coordinamento,  ma certamente possibile, anzi doveroso per la Città del Santo inventore del Presepe, gemellata con Betlemme”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento