menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guardia giurata perugina fa sparire 137mila euro dai bancomat: "Sono stato io, ma non vi dico dove sono"

L'uomo, un perugino di 45 anni, è stato arrestato dai Carabinieri di Corciano e posto agli arresti domiciliari

Una guardia giurata di 45 anni, perugina, è stata arrestata dai Carabinieri di Corciano e posta agli arresti domiciliari. L'accusa è quella di aver sottratto qualcosa come 137mila 500 euro che dovevano invece essere caricati direttamente su 5 bancomat - di istituti di credito diversi - nell'area del ternano, tra cui un bancomat all'interno dell'acciaierie di Terni.

Assalto nella notte, bancomat sradicato a Perugia: caccia alla banda 
Assalto al bancomat, ufficio postale sventrato: banditi in fuga con 10mila euro


I carabinieri sono risaliti direttamente a lui guardando i turni di servizi e le telecamere. L'uomo ha ammesso tutto ma senza dare spiegazioni e soprattutto senza dire dove si trova il denaro. La guardia giurata sapeva che sarebbe stato preso ma poteva contare su un lasso di tempo prima che i conti apparissero sospetti sia all'istituto di credito che alla società di vigilanza. I carabinieri stanno cercando di capire dove possa essere finito il tesoretto o se sia stato speso.

L'ACCUSA - Il 45enne era addetto al caricamento dei bancomat mentre il suo collega, da protocollo di sicurezza, restava sul furgone blindato ed è totalmente estraneo ai fatti. La Guardia Giurata, come hanno notato dalle immagini, caricava le banconote nello sportello ma ovviamente solo in parte. Mentre sul display interno digitiva l'esatta cifra prevista. In due occasioni è riuscito a portare via un proprio tesoretto: 60mila euro 40mila euro, in altre appena 3mila euro. La Guardia Giurata, come riferito dal Comando provinciale dei Carabinieri, si è autosospeso dell'incarico. 

INCHIESTA - Il perugino lavorava da sette anni per l'istituto di vigilanza con sede a Corciano ed era fino a ieri incensurato. In queste ore si sta scavando nella sua vita privata per capire se avesse debiti o fosse sotto ricatto da parte di terzi per ragioni tutte ancora da capire. Era comunque considerato un uomo fidato tanto è vero che l'azienda gli aveva affidato uno dei servizi più difficili e rischiosi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento