rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca

"Aprite il cuore a chi soffre": spalancate le "Porte Sante", il Giubileo è iniziato

Le due piazze principali dell'evento religioso in Umbria sono Assisi e Perugia. Le parole del Cardinale Gualtiero Bassetti e del vescovo di Assisi Sorrentino: "La misericordia vuol dire aiutare chi è in difficoltà, aprite il vostro cuore"

Centinaia di persone hanno partecipato oggi all’inaugurazione dell’“Atrio della misericordia” all’istituto Serafico e all’apertura della Porta santa nella cattedrale di san Rufino. Due momenti molto significativi per la diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino attraverso i quali si è dato avvio al Giubileo indetto da Papa Bergoglio. 

Molte le autorità presenti alla cerimonia al Serafico, in piazza del Comune da dove è poi partita la processione che è arrivata in Cattedrale e soprattutto a San Atrio della Misericordia, punto di gravità dell'Anno santo. “L'Anno santo avrà il suo punto di gravità proprio qui al Serafico”. E' questo uno dei 
passaggi più importanti del saluto che il vescovo Sorrentino ha tenuto dopo l'apertura della porta della chiesa dell'Istituto, 'Atrio della misericordia'. 

Ad attenderlo con un caloroso applauso, canti e abbracci che il vescovo ha rivolto a tutti c'erano i ragazzi del Serafico accompagnati dai loro operatori. “Qui abbiamo un concentrato di vita, di gioia, di amore. In questo luogo l'amore concreto si tocca e si condivide come ci ha insegnato San Francesco 
e poi rispiegato papa Francesco quando ha voluto iniziare la sua visita proprio da qui, dove tutto parla di Misericordia. La nostra società è fatta da tanta esclusione ed emarginazione ma voi, giovani che siete il futuro, dovete pretendere una società a misura vostra".

Il vescovo Sorrentino ha invitato tutti i fedeli ad aprire il proprio cuore per questo Giubileo straordinario: "Ci  è chiesta insomma l’apertura del cuore. Non una  piccola e sfuggente elemosina, ma la logica della condivisione: aprire il cuore, aprire le case, aprire le mense...Abbiamo  un maestro in Francesco di Assisi. È per lui che il mondo guarda alla nostra città, e c’è da aspettarsi che ancor più pellegrini vengano a visitarla quest’anno. La Porta santa della Cattedrale, realizzata appositamente in vetro, fa guardare lontano – ha detto il presule - in entrata e in uscita. Non è la porta che immette in un luogo protetto, ma la porta che fa immergere nell’amore. È la porta che conduce al cuore di Cristo,  e ci invia poi dove Cristo ci da appuntamento  nei suoi poveri.” Dopo questa apertura domenica 20 dicembre seguiranno quelle della Porta della Basilica Papale di San Francesco alle ore 10,30 e di Santa Maria degli Angeli alle 16,30.

PERUGIA - Apertura della Porta Santa, in occasione del Giubileo, anche nel capoluogo umbro da parte del Cardinale Bassetti che oltre al tema centrale della Misericordia ha anche affrontato il dramma dei tanti pensionati e lavoratori (solo in Umbria 40mila) che hanno perso tutto a causa di un sistema bancario discutibile. Il riferimento è al provvedimento Salva-Banche del Governo che ha bruciato gli investimenti considerati sicuri: "E' doverosa una profonda e doverosa riflessione sul nostro sistema bancario. Purtroppo sono sempre i più deboli ad essere schiacciati". 

"Aprendo la Porta Santa - ha concluso il Cardinale -  abbiamo compiuto un gesto dal duplice significato! Entrando per essa gli uomini e le donne di buona volontà possono fare l’esperienza salvifica dell’incontro con il Signore. Uscendo da essa, tutti noi possiamo vedere “le miserie del mondo e le ferite di tanti fratelli e sorelle privati della loro dignità” e andare incontro al loro grido di aiuto (Cfr MV 15). Il Giubileo saprà insegnarci che vi è una naturalezza ineliminabile nella misericordia; il bisogno di darla e riceverla è insito nel cuore e nella natura, a immagine e somiglianza di Dio. Una provocazione per l’uomo contemporaneo che non vuole chiedere perdono a nessuno e neppure essere perdonato. E c’è persino chi vorrebbe sottomettere i suoi simili a piacimento, secondo aberranti visioni del mondo e della storia. Di qui l’odio e il timore dilaganti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aprite il cuore a chi soffre": spalancate le "Porte Sante", il Giubileo è iniziato

PerugiaToday è in caricamento