Aeroporto, nuovi guai: FlyMarche cancella tutti i voli, umbri bloccati a Olbia

Niente più voli FlyMarche dall’aeroporto di Perugia. E i turisti umbri in vacanza a Olbia restano bloccati, senza aereo per tornare a casa

Niente più voli FlyMarche dall’aeroporto di Perugia. E i turisti umbri in vacanza a Olbia restano bloccati, senza aereo per tornare a casa. Una situazione al limite, tanto che Sase, la società che gestiste l’aeroporto, in via del tutto eccezionale li farà tornare a casa. E perché FlyMarche non vola più? Lo spiega la Sase: “FlyMarche affittavano aeromobili da VanAir, ma con alcune pendenze sulle spalle. Così, da venerdì, hanno sospeso i collegamenti per problemi finanziari“. Morale: no areo, no tratte. E grossa parte di quelle annunciate in conferenza stampa (tra cui Corsica, Croazia, Rimini, Elba) non sono mai partite, spiega la Sase. E poi c’è la questione della cancellazione. Spiega la Sase, in una nota di sabato 19 agosto: “In merito alla cancellazione dei voli Van Air Europe, commercializzati dal tour operator FlyMarche, SASE SpA – società di gestione dell’aeroporto dell’Umbria “San Francesco d’Assisi” – precisa che tali disservizi non sono in alcuna misura dipendenti dalla volontà di SASE stessa o ad essa imputabili. Qualsiasi chiarimento in merito va richiesto direttamente ai responsabili del servizio aereo – nella fattispecie il tour operator FlyMarche – contattabili al numero di telefono 071 2362006 o attraverso l’indirizzo email commerciale@flymarche.it”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora. La Sase, “in qualità di gestore aeroportuale, non direttamente responsabile per quel che concerne l’operatività dei voli e le relative problematiche quali casi di overbooking, ritardi e cancellazioni. Tali aspetti sono sotto l’esclusiva responsabilità dei vettori e dei tuor operator che operano e commercializzano tali servizi e sono in ogni caso regolamentati dal Regolamento (CE) 261/2004, che delinea i diritti del passeggero e le forme di compensazione dovute dalla compagnia aerea / tour operator che provoca il disservizio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento