rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Incidenti stradali Gualdo Tadino

Investito e lasciato per tutta la notte agonizzante in un fosso: svolta nelle indagini. Il bollettino medico del ferito

Una utilitaria nel mirino degli investigatori ritrovata in una carrozzeria. Una persona ascolta nel tardo pomeriggio di oggi

L'auto, una piccola utilitaria, sarebbe stata individuata dai Carabinieri e gli specialisti della scientifica, provenienti da Perugia, hanno effettuato dei controlli con l'attuale stato incidentato del mezzo con i pezzi di carrozzeria ritrovati lungo il tratto di strada dove è avvenuto un drammatico quando assurdo investimento di un giovane ventenne, residente a Gualdo Tadino. Il giovane è stato lasciato agonizzante in un piccolo fosso - per tutta la notte - a causa anche del buio e dell'assenza di testimoni diretti. E' stato ritrovato in condizioni drammatiche il giorno dopo.  Tornando all'auto: nel giro, a scopo di indagine, dei militari nelle carrozzerie è venuta fuori l'utilitaria, fortemente danneggiata, portata ad una nota carrozzeria cittadina per effettuare una riparazione dopo un presunto incidente con un mezzo pesante. Secondo alcune indiscrezioni raccolte sul posto da Perugiatoday.it, i militari hanno definito compatibili i pezzi ritrovati con le parti danneggiate.

Non ci sarebbero, almeno in maniera superficiale, tracce di sangue e biologiche, ma queste potrebbero essere state rimosse prima della consegna alla carrozzeria. Ovviamente dall'auto si è risaliti al/alla proprietario/a - per il momento è miglio non fornire particolari maggiori per evitare di creare danno alle indagini - che sarebbe stata ascoltata nel tardo pomeriggio di oggi dai Carabinieri. Bisogna risalire, con certezza, a chi era alla guida dell'utilitaria che di fatto poteva essere a disposizione anche di familiari e terzi.  Per quanto sia difficile crederlo - dato l'impatto rilevante e la ricostruzione dell'incidente fornita alla carrozzeria - il/la conducente potrebbe non essersi reso/a conto di aver preso una persona,  dato il buio e il ferito finito nel fossato, ma magari di aver colpito un cinghiale.

Insomma i Militari dunque sono vicinissimi a chiudere il caso. La situazione però resta drammatica a livello sanitario: il giovane resta in terapia intensiva e la prognosi non sarà sciolta neanche nei prossimi giorni a causa di un quadro clinico stazionario e considerato gravissimo. Preoccupano i traumi subiti a livello cranico, i danni collaterali di una ipotermia dopo una notte passata in un fosso con temperature vicine allo zero. In più una gamba ha subito ferito considerevoli. Il ragazzo, a Gualdo insieme alla madre e una sorellina piccolina, svolgeva piccoli lavori e allevava animali da cortile. Si ipotizza che si statva recando a piedi a fare la spesa (non aveva un'auto= in un centro-commerciale della zona prima di essere travolto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investito e lasciato per tutta la notte agonizzante in un fosso: svolta nelle indagini. Il bollettino medico del ferito

PerugiaToday è in caricamento