Scoppia rissa tra commercianti in centro durante Umbria Jazz: quattro condanne

Per tutti e quattro l'accusa è di rissa aggravata, scoppiata in via Bartolo, in un centro storico in fermento per il festival Umbria Jazz

Immagine del centro storico d'archivio e generica

Rissa con tanto di bastonate, quella scoppiata nel luglio di quest'anno in via Bartolo, nel cuore del centro storico perugino che proprio in quei giorni stava ospitando l'edizione '18 di Umbria Jazz. Teatro del parapiglia, la centrale via Bartolo, dove quattro commercianti - due italiani e due turchi - per banali motivi hanno dato vita a quella che a tutti gli effetti è stata una vera e propria rissa. 

Due i feriti, e gente sgomenta per un fattaccio svoltosi in pieno fermento per un festival che coinvolge ogni anno migliaia di turisti dal mondo. Il processo a carico dei quattro commercianti imputati per rissa aggravata in concorso, si è definito mercoledì mattina con altrettante sentenze di condanna emesse a carico di tutti i coinvolti: ai due italiani è stata inflitta una condanna a un anno ciascuno,  per i due cittadini turchi, invece, un anno e sei mesi di reclusione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Motivi banali quelli che avrebbero innescato la miccia tra i quattro: secondo quanto ricostruito, prima di venire alle mani ci sarebbe stata una discussione per via di un deposito di rifiuti lasciati in prossimità di uno dei locali dei titolari "coinvolti". Per il locale etnico, a seguito del grave episodio, scattò anche la chiusura per 10 giorni.  Per i 4 coinvolti, invece, l'obbligo di firma così come disposto dal giudice all'esito dell'udienza di convalida d'arresto. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Donatella Panzarola e Marco Baldassarri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento