Vittime di violenza, ecco come uscire dal tunnel: un protocollo d'intesa per ridare vita e dignità alle donne

Un aiuto per l'inserimento sociale e lavorativo delle donne vittime di violenza: l'obbiettivo è quello di favorire le donne attraverso un percorso che privilegi innanzitutto il lavoro

Si parte dal lavoro e dall’inserimento sociale, due chiavi di volta per aiutare il difficile percorso di chi è stato vittima di violenza fisica e psicologica. L’obbiettivo è quello di favorire le donne attraverso un percorso che privilegi innanzitutto il lavoro. Ed è proprio questo il progetto messo in campo dalla Regione Umbria, grazie ad un protocollo d’intesa firmato dal Centro Pari Opportunità della Regione Umbria, dalle  Consigliere di Parità della Regione e delle Provincie di  Perugia e Terni,   e dalle rappresentanti di ANCI Umbria e delle Associazioni Liberamente Donna  e  L’Albero di Antonia. 

Il protocollo si propone di sensibilizzare i diversi soggetti interessati sul tema della violenza di genere e sull’importanza del lavoro come strumento fondamentale per ridefinire percorsi autonomi di vita, così da consentire la fuoriuscita dal ciclo della violenza subìta ed affrancarsi da condizioni di ricatto economico e di dipendenza.

E’ inoltre prevista l’attivazione, nell’ambito della programmazione regionale delle politiche attive per il lavoro, di strumenti ed azioni finalizzati all’inserimento o reinserimento di donne vittime di violenza, che verranno strutturate dai Centri per l’impiego, in collaborazione con i Centri Anti Violenza, anche attraverso attività di accoglienza e orientamento per le donne vittime di violenza.  Ciascuno dei soggetti firmatari si è impegnato a mettere in atto specifiche azioni e misure funzionali a dare piena attuazione al Protocollo e a mantenere sulle questioni un dialogo costante con le parti sociali e le associazioni professionali.

 “La firma di oggi – ha detto la presidente Marini – è un ulteriore tassello di un lavoro costruito partendo dal basso. Siamo riusciti a mettere insieme le esperienze delle associazioni, delle istituzioni e dei servizi per strutturare un percorso che, partendo dalle esperienze dirette delle donne è servito a costruire politiche utili per le donne stesse e anche per i bambini che, sempre più spesso, vengono presi in carico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Nuovo maxi concorso, l'Aci assume personale a tempo indeterminato: due bandi

  • Usl Umbria 1 in lutto, è morto il professor Fabrizio Ciappi

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento