Muore dopo uno scippo, l'appello del figlio: "Perugini collaborate all'inchiesta"

Il figlio del pensionato ucciso da un balordo ancora da identificare dopo uno scippo - avvenuto il 4 ottobre alle 15,50 - ha lanciato un appello a tutti i perugini

Marco Maranini, figlio del pensionato ucciso da un balordo ancora da identificare dopo uno scippo - il dramma è avvenuto il 4 ottobre alle 15,50 tra la Pallotta e via dei Filosofi - ha lanciato un appello a tutti i perugini affinché chiunque abbia visto un qualche elemento che possa aiutare le indagini adempia il proprio dovere civico e si faccia avanti. 

"I Carabinieri di Perugia - si legge nella nota-appello - stanno portando avanti un’indagine ad ampio raggio, dalla  quale poter trarre elementi importanti per l’individuazione definitiva del colpevole. Ogni elemento non  sarebbe da trascurare: sia chi è passato in quei momenti in Via della Pallotta, sia chi è arrivato  subito dopo se ha potuto notare movimenti strani (qualcuno che scappasse a piedi o diversamente), sia chi, semplicemente, vive nel quartiere ed è a conoscenza di comportamenti reiterati di delinquenza o potrebbe riconoscere persone che abitualmente frequentano suddetta zona, è pregato di mettersi in contatto o con le forze dell’ordine o con i legali avv. Elena Cristofari ed avv. Giusi Mazziotta". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche dagli avvocati è arrivato un invito a collaborare: "Oltre alle manifestazioni di cordoglio, pubbliche e meno, che hanno indubbiamente alleggerito il senso di ingiustizia che grava sul sig. Maranini, oltre ad organizzare importanti comitati e proteste, i cittadini di Perugia, in particolar modo della zona di Via dei Filosofi – Via della Pallotta, hanno così una concreta possibilità di aiutare le Autorità alla certezza circa l’ individuazione del colpevole, creando un rete di solidarietà che permetta di emarginare e rendere inoffensivo chiunque non si attenga alle regole del comune vivere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Si schianta con la moto in superstrada e il mezzo prende fuoco, ferito motociclista

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

Torna su
PerugiaToday è in caricamento