Lunedì, 18 Ottobre 2021
PerugiaToday

Il marito che nessuno vorrebbe, prima le botte e poi la costringe a vendersi in strada

Costringeva la coniuge a prostituirsi con violenze fisiche e psicologiche. La paura di ritursioni sulla figlia non ha fatto denunciare subito alla donna quell'uomo che era diventato un mostro dopo il matrimonio

Da tempo la maltrattava e la costringeva a prostituirsi, ma la paura per le possibili violenze anche sulla figlia ha spinto la donna a denunciare il coniuge, un cittadino ecuadoregno, classe 1978, domiciliato Perugia, nullafacente, irregolare, responsabile di induzione alla prostituzione, abbandono di minori, maltrattamenti in famiglia e arrestato dai carabinieri della Stazione di Perugia dopo un'articolata attività di indagine.

L’arresto è scaturito a seguito della denuncia sporta dalla coniuge alla quale  'l’orco', ormai da diverso tempo, con violenza fisica e psicologica aveva costretto la donna a prostituirsi. La paura però delle ritorsioni nei confronti della figlia minore e l’intervento  dei Militari Operanti hanno permesso l’arresto proprio mentre si trovava in strada intento a controllare l’attività svolta dalla propria coniuge lungo uno dei principali viali della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il marito che nessuno vorrebbe, prima le botte e poi la costringe a vendersi in strada

PerugiaToday è in caricamento