Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL VIDEO #andràtuttobene | Siamo Gente di Montagna, siamo Umbri... ancora una volta resteremo in piedi!

E' il momento più difficile, è il momento di ricordarsi che ne abbiamo passate tante e tutte le volte ci siamo rialzati

 

Siamo gente di montagna e sappiamo che la tempesta ha sempre un inizio e una fine. Siamo sempre quelli delle gallerie scavate sotto la neve, quelli che resistono in casa guardando fuori dalla finestra per capire quando finirà. Siamo quelli della farina come ricchezza quando i giorni sembrano non scorrere mai e fuori c'è il nulla. Siamo famiglia che sa ascoltare, che sa amare e che sa proteggere quando serve, quando il mondo con i suoi lati oscuri si ferma. Siamo migliori come padri, madri e figli proprio quando c'è da lottare e bisogna accendere stavolta il cuore per capire dove andare.  Siamo gente di montagna, di questa montagna. Quelli che sono sopravvissuti ai battiti improvvisi di queste nostre terre che distruggono case, chiese e certezze. 

Battiti che ti tolgono il fiato, lavoro e purtroppo anche amici, troppi amici. Sappiamo vivere sotto la tenda e in un container. Siamo quelli che si mettono insieme per aiutare i più fragili, i deboli e gli ultimi. Perchè in montagna si fa così: o tutti salvi o nessuno salvo. Siamo gente di montagna che è stata costretta ad emigrare per lavorare ma con la consapevolezza che sarebbe tornata. E siamo tornati portando ricchezza, portando un nuovo modo di essere comunità. Siamo andati, siamo tornati, siamo ripartiti e poi abbiamo deciso di morire sotto questo monte. Siamo gente di montagna e abbiamo visto anche il dopo della tempesta: alberi abbattuti, lutti, fame, certezze crollate e tante macerie in strada e nel cuore. Quante lacrime! Quanta voglia di mollare e lasciarsi andare. Ma poi abbiamo alzato gli occhi e la montagna era ancora lì bellissima, forte, paterna e dura come sempre. 

Siamo gente di montagna e sappiamo che quello che conta è restare in piedi. E' tutto quello che serve per ritornare a scalare, sognare e faticare. Lo zaino è vuoto. E la mente è disorientata. E' vero. Ma siamo gente di montagna e sappiamo che lo zaino può tornare pieno ... ci volessero 100 anni.. Ma siamo in piedi ed è giusto andare, provare. Ancora una volta. Come altre mille volte in passato. Siamo gente di montagna, c'eravamo e ci saremo ancora. Siamo umbri. Rifioriremo come i narcisi, sgorgheremo dalla roccia come l'acqua sorgiva e come lupi torneremo in branco a cacciare senza lasciare indietro nessuno. Perchè... noi siamo la montagna e le montagne non si spostano, non si distruggono, non si cancellano.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento