rotate-mobile
Volley

Volley Champions League, Perugia maltratta il Fenerbahce: pratica chiusa 3-0

I bianconeri battono la formazione dell’ex Castellani e chiudono a punteggio pieno e senza set persi la Pool E. Anderson super ed Mvp del match, Grbic dà spazio a tutti gli effettivi disponibili. Venerdì il sorteggio della fase ad eliminazione diretta

SIR SICOMA MONINI PERUGIA - FENERBAHCE HDI ISTANBUL 3-0
Parziali: 25-17, 25-21, 25-17
SIR SICOMA MONINI PERUGIA: Giannelli, Rychlicki 4, Mengozzi 6, Solè 10, Leon 5, Anderson 13, Piccinelli (libero), Dardzans, Plotnytskyi 8, Travica 4, Ter Horst 2. N.e.: Russo, Ricci, Colaci (libero). All. Grbic, vice all Valentini.
FENERBAHCE HDI ISTANBUL: Marouf, Gürbüz 8, Tümer 4, Mousavi 5, Hidalgo 8, Louati 10, Yesilbudak (libero), Mert (libero). N.e.: Ünver, Erden, Kaya, Batur, Sikar, Toy. All. Castellani, vice all. Yilmaz.
Arbitri: Maciej Twardowski - Vladimir Oleynik
LE CIFRE – PERUGIA: 13 b.s., 6 ace, 43% ric. pos., 20% ric. prf., 55% att., 13 muri. FENERBAHCE: 13 b.s., 6 ace, 33% ric. pos., 15% ric. prf., 42% att., 2 muri

FOTO - Volley Champions League, Perugia-Instanbul: le immagini della partita

 

En plain della Sir Sicoma Monini Perugia. I Block Devils battono 3-0 il Fenerbahce nella sesta giornata della Pool E di Champions League, chiudono il girone a punteggio pieno e senza set persi ed ora aspettano da testa di serie il sorteggio di venerdì nella sede della Cev in Lussemburgo per conoscere il cammino nella fase ad eliminazione diretta.
Partita senza sussulti quella di stasera al PalaBarton. Perugia già prima e qualificata, la formazione turca senza più niente da chiedere alla classifica. Ma i bianconeri interpretano bene il match, lavorando alla grande a muro e con qualità negli altri fondamentali. Grbic ruota tutti gli affettivi disponibili garantendo ritmo gara alla sua rosa, la sfida non è mai in discussione con i padroni di casa che scavano il solco sotto rete (13 muri vincenti contri i 2 del Fenerbahce, 55% di efficienza offensiva contro il 42%), trovano un Anderson spaziale (13 con 2 muri, un ace ed il 67% in attacco per l’Mvp della partita) e tutti (vedi Solè con 10 punti con 4 muri, vedi Plotnytskyi con 8 punti col 71% in attacco, vedi Travica che chiude con 4 acuti a referto) portano il loro contributo per la vittoria finale.
Esulta Perugia, esultano i Sirmaniaci, esulta il PalaBarton. La Sir Sicoma Monini c’è e vuole essere ancora protagonista in questa Champions!

IL MATCH

Formazione tipo, al netto delle assenze, per Grbic. Primo break per Perugia con il muro di Solè (3-1). Out Gürbüz (5-2). Louati accorcia (5-4). Maniout di Rychlicki (7-5). Mengozzi mantiene le distanze (10-8). Super scambio chiuso da Leon, poi doppietta in pipe e doppietta al servizio di Anderson (15-8). Smash di Mousavi (15-10). Invasione di Marouf (17-10). Entra Plotnytskyi in battuta e piazza subito l’ace (21-13). Primo tempo di Mengozzi (22-15). Anderson da posto 2 (23-16). Muro di Mengozzi, set point Perugia (24-16). Chiude ancora Mengozzi (25-17).
Si riparte con Travica in regia per i bianconeri. Rychlicki per il 3-2 Perugia. Doppio ace di Hidalgo, poi muro di Mousavi (3-6). Anderson accorcia (5-6). Leon pareggia con la pipe (7-7). Un ace “sporco” ed uno limpidissimo di Solè (9-7). Attacco e poi muro di Anderson (11-8). Muro anche per Rychlicki (12-9). Ancora due muri consecutivi dei padroni di casa, stavolta con Travica e con Solè (17-12). Dentro Plotnytskyi per Leon. Louati accorcia (17-14). Parallela chirurgica di Rychlicki da seconda linea (19-14). Anderson chiude il punto del 20-15 e poi lascia il posto a Ter Horst. Sul 21-16 dentro Dardanz per Rychlicki. Plotnytskyi vola per l’attacco del 22-17. Solè in primo tempo (23-18). Ace di Hidalgo (23-20). Ancora Solè, set point Perugia (24-20). Pipe imperiale di Plotnytskyi, Perugia raddoppia (25-21).
Louati propizia il buon avvio del Fenerbahce nel terzo parziale (0-2). Veemente reazione bianconera che mette la freccia (9-4). Magia di Plotnytskyi in pipe, poi muro ed attacco di Solè (13-5). Ace di Louati (15-9). Smash di Plotnytskyi (17-9). Ace imprendibile di Hidalgo (19-13). Muro di Solè (20-13).  Muro vincente di Travica (23-14). La fine è scritta, la parola finale la mette Mengozzi (25-17).
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley Champions League, Perugia maltratta il Fenerbahce: pratica chiusa 3-0

PerugiaToday è in caricamento