rotate-mobile
Volley Pian di Massiano

Superlega, la Sir annuncia il secondo colpo: Agustin Loser è bianconero

Il centrale argentino prende il posto di Flavio, emigrato a Trento, e sbarca al PalaBarton dopo i due anni di Milano con cui si è messo fortemente in mostra

Arriva finalmente il tempo degli annunci importanti in casa Sir Susa Vim Perugia. Dopo Ishikawa è arrivata anche l'ufficialità, da parte della società bianconera, del fatto che Agustin Loser indosserà la maglia bianconera nella prossima stagione, prendendo il posto di Flavio, che ha scelto di emigrare a Trento.

Ventisette anni da compiere il prossimo 12 ottobre e 201 cm di statura, quello del centrale argentino non è certo un volto sconosciuto: gli ultimi due anni sono stati contrassegnati da alcune dure battaglie con l'Allianz Milano, squadra da cui proviene e che è stata capace di creare più di un problema ai Block Devils.

Loser dal canto suo non ha mancato di mettersi in mostra e per lui parlano i numeri: con 68 muri realizzati è risultato il miglior giocatore della scorsa Superlega in questo fondamentale. Un biglietto da visita non da poco.

La carriera

Il neobianconero inizia giovanissimo nel suo Paese prima con il Ciudad Voley poi con il Bolivar con cui vince tutto in patria. Nel 2020 lo sbarco in Europa con la maglia dei francesi del Tourcoing Lille Metropole per due stagioni, poi l’arrivo in Italia a Milano anche qui per due anni.

Le prime impressioni

Loser non sarà solo in questa avventura dato che ci saranno due connazionali, ovvero Solè e Carotti, quest'ultimo preparatore atletico: "Mi fa molto piacere giocare con Seba, è stato una persona importante e che mi ha aiutato tantissimo quando sono arrivato in nazionale sia fuori che dentro al campo giocando nello stesso ruolo. È diventato un mio amico, abbiamo condiviso tanti bei ricordi in campo come il bronzo olimpico di Tokio che resterà per sempre. Seba Carotti l’ho avuto il mio primo anno in nazionale, ho imparato tantissimo da lui, sono molto contento di ritrovarmi con loro a Perugia".

La mente è già rivolta alla prossima stagione: "Da fuori mi immagino una società, uno staff ed una squadra dove c’è grande professionalità e dove tutto funziona bene. Penso che anche questo aspetto sia stato importante per vincere così tanto l’anno scorso perché non sono importanti solo i giocatori ma anche tutta la gente che c’è dietro. Sono molto contento di poter lavorare con queste persone ed in un ambiente che ha un bel “mood” con la città e con i tifosi. È chiaro che in una squadra così importante c’è la pressione di vincere, è una sfida per me molto bella e darò il massimo per aiutare la squadra a vincere. Gli obiettivi? Per una squadra come Perugia sono quelli di provare a vincere tutto quello che si gioca. L’ultimo anno hanno fatto una stagione incredibile, il desiderio sarebbe quello di provare a ripeterla. Poi certamente un obiettivo molto importante sarà la Champions League".

Il pubblico del PalaBarton è ben conosciuto da lui: "I tifosi di Perugia sono incredibili. Ho parlato con alcuni amici di questa cosa e giocare al PalaBarton è diverso che in altre parti, si sente tutta la partita il rumore dei tifosi, quando giochi contro è difficile, quando li hai dalla tua parte è tanta roba ed aiuta tantissimo. Sono i migliori tifosi d’Italia secondo me e sono ansioso (dice proprio così Loser, ndr) di giocare la prima partita con loro dalla mia parte e non contro". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superlega, la Sir annuncia il secondo colpo: Agustin Loser è bianconero

PerugiaToday è in caricamento