Sport

Volley, Civitanova-Perugia 3-1: non basta il cuore alla Sir, scudetto alla Lube

Obbligati a vincere per allungare la serie, i bianconeri vanno sotto di due set e provano la rimonta cedendo però al quarto: sfuma il tricolore per i 'Block Devils', addio amaro per Atanasijevic

Il cuore e un'altra prova di carattere di capitan Atanasijevic (che ha già annunciato l'addio) alla SIr Safety Perugia, battuta 3-1 nella gara 4 della finale playoff della Superlega di Volley. Sotto 2-1 nella serie scudetto, i bianconeri erano obbligati a vincere e, sotto di due set, hanno cercato una rimonta interrotta però nel quarto set dai marchigiani della Lube che festeggiano così lo scudetto.

Civitanova-Perugia 3-1: il tabellino

KO CON ONORE - Onore ai neo campioni, avversari di tante battaglie sportive, ed onore alla Sir Safety Conad Perugia che, a differenza di gara 3, ha messo tutto in campo tutto all’Eurosuole. Carattere, grinta, voglia di lottare e di non mollare ed una prestazione certamente di buon livello sotto il profilo tecnico e tattico. Non basta per allungare la serie ed è chiaro che la delusione, quando perdi ad un passo dal traguardo, c’è. Ma i bianconeri hanno dato davvero il massimo, recuperando da due set di svantaggio, rientrando quasi in partita nel quarto set sotto 20-14. Nello sport il vincitore è uno solo e complimenti alla Lube che si conferma squadra di altissimo livello. Ma onore davvero ai bianconeri che hanno lasciato il cuore in campo stasera.

Civitanova-Perugia 3-1: la cronaca 'set per set'

I NUMERI - I numeri di gara 4 parlano di un sostanziale equilibrio in quasi tutti i fondamentali. Dove Civitanova è stata migliore è certamente al servizio (6 ace contro 3), ma soprattutto nella capacità di capitalizzare in attacco i diversi palloni scontati e contro muro piazzato dove la formazione di casa è stata quasi infallibile. Per Perugia 17 i punti di Leon (con 4 muri e 2 ace), 16 di un eccellente Atanasijevic. Doppia cifra anche per Solè (11 punti col 73% in primo tempo e 3 muri) e Plotnyskyi (10 palloni vincenti).

'BATA' AI SALUTI - Si chiude stasera la stagione della Sir Safety Conad e l’ultimo pensiero va a chi, stasera come sempre nelle ultime otto stagioni, ha dato il cuore per questa squadra. Aleksandar Atanasijevic lascia i Block Devils come solo i grandi capitani ed i grandi campioni, in campo e fuori, sanno fare, con una partita spettacolare da tutti i punti di vista. Otto stagioni meravigliose, fatte di sorrisi ed anche sconfitte, perché lo sport è proprio questo. Ma sempre a testa alta e sempre lasciando tutto in campo. Bata, il numero 14, è stato tutto questo. Chapeau grande campione!

I COMMENTI - È uno scudetto perso quindi è ovvio che c’è delusione - dice dopo il match il regista bianconero Dragan Travica -, ma lucidamente devo dire che oggi abbiamo dato tutto quello che avevamo con tutte le difficoltà del caso. Quando arrivi in fondo e poi perdi la finale fa male, ma per come è partita la squadra all’inizio della stagione e per i problemi avuti dobbiamo essere fieri. Onore a noi e onore alla Lube che ha vinto con merito lo scudetto”.

Continua a leggere >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, Civitanova-Perugia 3-1: non basta il cuore alla Sir, scudetto alla Lube

PerugiaToday è in caricamento