menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, il ruggito della Sir Safety in Champions: educazione siberiana per la Lokomotiv

Vittoria in rimonta per la Sir. Mercoledì prossimo il ritorno in Siberia, con due set si va alla Final Four. Sabato pomeriggio fondamentale gara 3 di semifinale scudetto con Trento

SIR COLUSSI SICOMA PERUGIA - LOKOMOTIV NOVOSIBIRSK 3-1

Parziali: 24-26, 25-15, 25-19, 25-21

SIR COLUSSI SICOMA PERUGIA: De Cecco 3, Atanasijevic 21, Podrascanin 11, Anzani 8, Russell 14, Zaytsev 14, Colaci (libero), Shaw, Della Lunga 1, Berger. N.e.: Ricci, Cesarini (libero), Siirila, Andric. All. Bernardi, vice all Fontana.

LOKOMOTIV NOVOSIBIRSK: Eksi 4, Nilsson 4, Kurkaev 7, Smolyar 11, Savin 11, Divis 8, Martynyuk (libero), Shcherbakov, Golubev, Pavlov 7, Rodichev 3,Lukyanenko. N.e.: Andrievskii (libero), Tkachev. All. Konstantinov, vice all. Mitkov.

Arbitri: Jacobus Nederhoed (NED) - Christian Peter Wolf (SUI)

Supervisor: Jelena Reljin (SRB)

LE CIFRE – PERUGIA: 19 b.s., 7 ace, 38% ric. pos., 19% ric. prf., 50% att., 12 muri. NOVOSIBIRSK: 13 b.s., 5 ace, 45% ric. pos., 21% ric. prf., 42% att., 9 muri.

Un super PalaEvangelisti impazzisce quando Marko Podrascanin inchioda in terra il primo tempo che chiude il match. Esulta il folto pubblico bianconero ed esulta la Sir Colussi Sicoma Perugia che sconfigge in rimonta il Lokomotiv Novosibirsk nell’andata dei Playoff 6 di Champions League e fa un passo importante verso la Final Four di Kazan. Mercoledì prossimo il match di ritorno in Siberia, a Perugia occorreranno almeno due set per staccare il pass verso l’atto conclusivo della massima competizione per club a livello continentale.

Ci penseranno a tempo debito i ragazzi di Bernardi che intanto si godono una serata importante qui a Perugia. Una serata iniziata con i russi, formazione di caratura tecnica importante e fortissima fisicamente, che si aggiudicano in rimonta il primo parziale. Ma proprio lì, dopo non aver capitalizzato due set point avanti 24-22, esce la grande forza del gruppo bianconero. Che si compatta, che non demorde, che reagisce da grande squadra sciorinando una pallavolo di altissimo livello e non mollando più un pallone fino al punto finale, appunto, di Podrascanin.

È Max Colaci l’emblema di questa serata. Il libero bianconero, per nulla intimorito dalle bordate russe, difende un milione di palloni, esalta il PalaEvangelisti e carica a pallettoni i suoi attaccanti che vanno a segno a ripetizione. A partire da un sontuoso Atanasijevic (best scorer del match con 21 punti ed il 56%), passando per un concreto Zaytsev (14 punti, solita qualità in ricezione e 52% in attacco) e finendo con un Podrascanin di gran lusso (11 punti per il Potke, 100% in attacco su 7 colpi e 4 muri).

Sono battuta e muro a spaccare la partita. La pressione dei Block Devils dai nove metri (anche 7 ace) sfianca la resistenza in seconda linea del Novosibirsk, i 12 punti a muro sbarrano la strada a qualsiasi rimonta degli ospiti.  

Alla fine tutti sotto la curva dei Sirmaniaci a far festa. Per una vittoria meritata ed importante. Una vittoria ovviamente da confermare in Siberia, e sarà sicuramente una battaglia dura per i ragazzi. Una vittoria che fa soprattutto ripartire la squadra dopo Trento e che rappresenta un viatico importante in vista della fondamentale gara 3 di semifinale scudetto di sabato pomeriggio ancora al PalaEvangelisti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento