Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Sport

Volley Champions League, Itas Trentino-Sir Sicoma Monini Perugia 3-0: la cronaca della partita

Partita opaca dei Block Devils che perdono netto alla BLM Group Arena e complicano terribilmente la strada verso le Super Finals. Mancano ritmo ed aggressività nella metà campo bianconera

TRENTINO ITAS - SIR SICOMA MONINI PERUGIA 3-0
Parziali: 25-21, 25-16, 25-23
TRENTINO ITAS: Giannelli 2, Abdel-Aziz 16, Podrascanin 11, Lisinac 7, Micheletto 5, Lucarelli 9, Rossini (libero), Kooy 1, Sosa Sierra. N.e.: Cortesia, Argenta, Sperotto, Pol (libero), De Angelis. All. Lorenzetti, vice all. Petrella.
SIR SICOMA MONINI PERUGIA: Travica 2, Ter Horst 12, Russo 4, Solè 7, Leon 7, Plotnytskyi 5, Colaci (libero), Zimmermann, Muzaj 2, Vernon-Evans, Ricci 2. N.e.: Atanasijevic, Piccinelli, Sossenheimer (libero). All. Heynen, vice all Fontana.
Arbitri: Juraj Mokry - Lucian-Vasile Nastase
LE CIFRE – TRENTO: 15 b.s., 6 ace, 44% ric. pos., 27% ric. prf., 54% att., 7 muri. PERUGIA: 13 b.s., 3 ace, 41% ric. pos., 19% ric. prf., 49% att., 6 muri. 

“Bisogna essere onesti e dire che Trento ha giocato meglio - spiega Vital Heynen - . Chiaramente meglio nel secondo set, negli altri due hanno fatto qualche errore in meno. Noi nel primo e nel terzo set abbiamo avuto delle possibilità che non abbiamo sfruttato. Stasera non siamo mai entrati veramente in partita, solo nel terzo set un po’ meglio. Ci troviamo nella stessa situazione dopo la sconfitta a Modena. Adesso dobbiamo resettare la testa perché ci aspettano domenica contro Milano e mercoledì contro Trento le due partite più importanti dell’anno”.

Si complica terribilmente la strada verso le Super Finals per la Sir Sicoma Monini Perugia. I Block Devils cedono 3-0 alla BLM Group Arena contro i padroni di casa dell’Itas Trentino e si trovano, ancora una volta, spalle al muro. Mercoledì 24 marzo, nel match di ritorno al PalaBarton, i bianconeri dovranno vincere da tre punti (quindi 3-0 o 3-1) e poi anche il golden set per passare il turno, qualsiasi altra combinazione manderà in finale Trento. 

Partita opaca della squadra di Heynen a cui manca il giusto atteggiamento per fronteggiare nel migliore dei modi un avversario di altissimo livello come la formazione di coach Lorenzetti. Ne esce una partita dove Perugia, secondo set a parte dominato dai trentini, resta tutto sommato attaccata nel punteggio, ma manca diverse favorevoli occasioni che avrebbero certamente potuto cambiare faccia alla sfida. Tutto questo naturalmente al netto della bella prova e della grande qualità dell’avversario.

Lo dicono anche i numeri che certificano la prestazione migliore di Trento in tutti i fondamentali, lo dicono soprattutto gli errori in attacco: ben 9 per Perugia, appena 4 per Trento.
Un solo bianconero in doppia cifra e certamente il migliore dei suoi: è Thijs Ter Horst che chiude con 12 punti, il 60% in attacco, 2 ace ed un muro vincente. In difficoltà invece l’attacco di posto quattro (7 per Leon, 5 per Plotnytskyi), lotta fino alla fine un buon Solè che chiude con 7 palloni vincenti e 3 muri punto. L’unica considerazione ottimistica, dopo una sconfitta certamente pesante come quella di stasera, è che la serie non è ancora finita.

Per Perugia arrivano dunque i sei giorni più importanti dell’anno. Domenica con Milano per gara 3 dei quarti di finale scudetto e poi mercoledì con Trento per il ritorno della semifinale di Champions i Block Devils si giocano una stagione. E dovranno farlo tirando fuori tutto il carattere e tutte le carte che questa squadra in tante occasioni quest’anno ha dimostrato di avere.

IL MATCH

Ter Horst opposto, Russo centrale. Queste le scelte di Heynen. Proprio l’olandese firma il punto del 3-3. Break dei padroni di casa con Giannelli e Lucarelli (6-3). In rete Abdel-Aziz, poi muro di Ter Horst (8-8). Trento riparte con il muro (10-8). Out Leon, Trento torna a +3 (13-10). Out anche Lisinac (13-12). Ter Horst tiene Perugia a contatto con l’attacco del 17-16 e l’ace del 17-17. Ace di Podrascanin, Trento torna avanti (19-17). Leon pareggia (19-19). Abdel-Aziz rimanda ancora una volta avanti Trento (21-19). Il muro di Podrascanin porta l’Itas al set point (24-21). Out Ter Horst, Trento passa a condurre (25-21).
Lucarelli spinge i padroni di casa in avvio di secondo set (5-3). Trento prova la fuga con Podrascanin (8-3). Ace di Russo (8-5), Abdel-Aziz ristabilisce le distanze (10-5). Out Vernon-Evans, poi Abdel-Aziz, poi muro di Podrascanin, poi ace di Lucarelli (14-5). Ace anche di Abdel-Aziz (17-7). Muro del neo entrato Ricci (18-10). Perugia aggiusta il cambiopalla, ma non riesce ad avvicinarsi (23-15). Il set è segnato e lo chiude il muro di Lisinac (25-16).
L’ace di Abdel-Aziz apre il terzo parziale (3-2). Il muro di Solè e l’ace di Ter Horst capovolgono (5-7). Muro di Russo (7-10). Altro ace di Abdel-Aziz (10-11). Out Plotnytskyi e parità (12-12). Out Abdel-Aziz (14-16). Il muro di Abdel-Aziz rimette tutto in equilibrio (17-17). Ace di Podrascanin, poi errore di Leon (19-17). Trento mantiene il vantaggio (23-21). Abdel-Aziz porta i suoi al match point (24-22). Chiude ancora l’olandese (25-23).


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley Champions League, Itas Trentino-Sir Sicoma Monini Perugia 3-0: la cronaca della partita

PerugiaToday è in caricamento