Domenica, 17 Ottobre 2021
Sport

Volley, blitz perugino per papà Solé: "Grande mercato, sarà una super Sir"

Il centrale, che fa rotta sulle Olimpiadi di Tokyo con la sua Argentina, è tornato in città per la nascita del suo secondogenito

Blitz perugino per papà Sebastian Solè, che nei giorni scorsi ha lasciato la 'bolla' di Rimini dove era con l'Argentina impegnata nella Volley Nations League per assistire a Perugia alla nascita del suo secondogenito. Il centrale della Sir Safety Conad ha così potuto trascorrere qualche un po' di tempo con la propria famiglia prima di rientrare in nazionale per preparare i giochi olimpici di Tokio. E ne ha approfittato anche per fare un salto al PalaBarton, per qualche allenamento in sala pesi e per parlare un po’ di questa sua estate certamente speciale.

Volley, amore a prima vista tra Giannelli e Perugia: "Non vedo l'ora di combattere con voi"

“Beh, la nascita di mio figlio Santiago mi rende ovviamente super felice ed emozionato - dice Solè -. Chi è genitore sa di cosa parlo e cosa si prova. Mia moglie è rimasta qui a Perugia in previsione del parto ed in questi giorni mi sto godendo un po’ tutta la mia famiglia. Poi Santiago è nato qui, ha la residenza qui, insomma è un perugino doc”.

Solè parla poi della 'bolla' della Volley Nations League a Rimini, un’esperienza certamente particolare: “La bolla per certi aspetti è stata una bella esperienza. È uscita una competizione particolare ma bella, abbiamo fatto tante partite di altissimo livello, ho visto una bella organizzazione. Poi è stata una situazione certamente nuova. Negli altri anni si viaggiava per tutto il mondo, stavolta eravamo tutti lì insieme”.

Volley Superlega, Rychlicki a Perugia: "Abbiamo le potenzialità per vincere tutto"

La prossima stagione con la Sir è intanto già nei pensieri di Seba: “Devo fare i complimenti alla società per la costruzione della nuova squadra. Tra vecchi e nuovi sarà un bel gruppo, una squadra molto lunga, ci sarà tanto da fare e da lavorare. Adesso chiaramente io e molti dei miei compagni abbiamo come obiettivo Tokio, ma personalmente sono anche ansioso di ritornare a Perugia e cominciare a lavorare. Noi giocatori siamo tutti carichi e vogliamo fare belle cose insieme. Nella Vnl ho visto e parlato con alcuni miei compagni, tutti giocatori molto forti. I tifosi possono stare tranquilli, il prossimo anno saremo tutti lì per lottare, per migliorare e per provare a vincere”.

Al ritorno a Perugia, Solè troverà una sua vecchia conoscenza, coach Nikola Grbic: “Un tecnico che ho avuto e che sa come allenare e come gestire un gruppo. A Verona mi sono trovato bene con lui, la squadra era sempre ben organizzata. Poi credo che Nikola abbia acquisito grande esperienza e fatto grandi cose in Polonia negli ultimi due anni. È una grande persona ed un grande allenatore”.

VIDEO Volley, Perugia è già pazza di Giannelli: Sirmaniaci scatenati alla presentazione

La speranza di Solè è quella di trovare, al suo ritorno, il pubblico al palazzetto: “Metto sempre al primo posto la salute e la tranquillità di tutti, ma spero davvero di ritrovare i nostri tifosi al palazzetto e di poter andare tutti insieme nella stessa direzione. Poi il PalaBarton l’ho sempre sofferto da avversario, ora che sono qua me lo voglio godere”. L'argentino, infine, fa le carte alle prossime Olimpiadi: "Chi vincerà i Giochi? Vorrei dire la mia Argentina ma so anche che è difficile. Nella Vnl Polonia, Brasile, Francia e Stati Uniti hanno dimostrato di essere grandi squadre e grandi favorite. E poi naturalmente tra le candidate ci metto l’Italia”. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, blitz perugino per papà Solé: "Grande mercato, sarà una super Sir"

PerugiaToday è in caricamento