rotate-mobile
Sport

Modena-Perugia, tra sogni e paure. Bianchi per Ardemagni in attacco, ritorna Prcic

Ultimo turno infrasettimanale del Grifo, che stasera sarà di scena a Modena. Bisoli lascia in panchina Ardemagni e lancia dal primo minuto Bianchi

Ultimo turno infrasettimanale del campionato per il Grifo, che stasera si giocherà una fetta importante delle residue speranze playoff in casa del Modena. I biancorossi vengono dal fondamentale successo interno contro l’Avellino e vogliono altri 3 punti per provare ad accorciare le distanze dal gruppetto che gravita intorno all’ottavo posto.

Cambi e conferme – Il rush finale non ammette errori. Bisoli ne è cosciente e, grazie ai recuperi di alcuni giocatori, potrà finalmente mettere in campo gli elementi della rosa più freschi. Nel 4-2-3-1 di stasera, ad esempio, non ci sarà Guberti, uscito anzitempo dal campo contro l’Avellino per un affaticamento muscolare. A sostituire l’ex Roma e Samp potrebbe essere Spinazzola, che verrebbe spostato sulla linea dei trequartisti, consentendo a Rossi di mantenere la posizione di terzino sinistro. Altro cambio già annunciato in conferenza dal tecnico emiliano sarà quello di Bianchi per Ardemagni: la punta milanese ha disputato due buonissime prestazioni, ma l’ex Toro ha bisogno di giocare per ritrovare la condizione e partirà dall’inizio.

Il dubbio resta su chi si posizionerà dietro all’attaccante: se Bisoli scegliesse Fabinho come esterno destro, il sostegno di Bianchi sarebbe certamente lo scatenato Aguirre; nel caso in cui, invece, l’allenatore lasciasse in panchina il brasiliano, spetterebbe a Della Rocca piazzarsi dietro la punta, con l’uruguaiano dirottato sulla fascia. Sulla mediana, insieme al confermatissimo Zebli, rivedremo Prcic, ancora non al meglio dopo la sindrome influenzale. Davanti a Rosati la collaudata coppia di centrali formata da Volta e Belmonte, con Del Prete a spingere sulla destra e il già citato Rossi a fare le due fasi sul lato opposto.

Ultima spiaggia gialloblù – L’aria che si respira a Modena è pesante. Al “Braglia” i canarini si giocano una delle ultime chance di restare in B. Il cambio di tecnico – Bergodi per Crespo – non ha sortito gli effetti sperati e il club della famiglia Caliendo sta pian piano sprofondando verso la retrocessione. Gli emiliani sono stati tre giorni in ritiro per preparare al meglio la sfida di stasera. Bergodi, dato il poco tempo a disposizione, sembra aver deciso di non modificare il modulo: 4-3-1-2 come a Chiavari, ma con diverse novità per quanto riguarda gli interpreti. A centrocampo esce Belingheri e rientra Nardini, il quale andrà a piazzarsi accanto a Giorico e Bentivoglio.

In difesa ballottaggio tra l’acciaccato Gozzi e Osuji, con il secondo che parte favorito, per la posizione di terzino destro. Sulla fascia opposta verrà rilanciato Rubin, mentre al centro il duo sarà formato da Marzorati e Bertoncini, con quest’ultimo chiamato a sostituire lo squalificato Aldovrandi. Solo panchina per l’ex portiere del Grifo Provedel. In avanti la figura di raccordo sarà Mazzarani, mentre Stanco potrebbe insidiare Granoche e Luppi, entrambi al di sotto delle aspettative in questa stagione.

PROBABILI FORMAZIONI

MODENA (4-3-1-2): Manfredini; Osuji (Gozzi), Bertoncini, Marzorati, Rubin; Nardini, Giorico, Bentivoglio; Mazzarani; Luppi (Stanco), Granoche. All.: Cristiano Bergodi.

PERUGIA (4-2-3-1): Rosati; Del Prete, Volta, Belmonte, Rossi; Prcic, Zebli; Aguirre; Della Rocca (Fabinho), Spinazzola; Bianchi. All.: Pierpaolo Bisoli.

ARBITRO: Nasca di Bari (Assistenti: Bindoni – Dei Giudici)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modena-Perugia, tra sogni e paure. Bianchi per Ardemagni in attacco, ritorna Prcic

PerugiaToday è in caricamento