menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mister Camplone

Mister Camplone

Serie B, mister Camplone alle prese con due squalifiche pesanti

Contro il Frosinone non ci saranno né l'esperto Taddei né Nicco dopo le squalifiche per le espulsioni subite a La Spezia. Con i laziali sarà una partita dura

E' arrivata l’attesa “stangata” del giudice sportivo nei confronti di Rodrigo Taddei, espulso dall’arbitro Fabbri nella partita di sabato scorso a La Spezia: l’organo giudiziario della federazione ha deciso di punire il brasiliano per essersi rivolto al direttore di gara con “un’espressione ingiuriosa”. 

In questo modo il centrocampista ex Roma salterà, oltre all’attesa sfida di domenica sera con il Frosinone, anche la trasferta di Lanciano. Sanzione meno severa, invece, nei confronti dell’altro espulso Gianluca Nicco, che si dovrà accomodare in tribuna per una sola giornata.

Nel frattempo la squadra si sta allenando proprio in vista del posticipo contro i frusinati, riedizione del confronto della passata stagione nel quale le due squadre si sono date battaglia fino all’ultima giornata per conquistare la promozione diretta in serie B. Il ricordo dei tifosi perugini dello scorso 4 maggio è ancora fresco, con il gol di Moscati che ha regalato un’estate di grande euforia a tutto il popolo biancorosso. Anche a Frosinone il ritorno nella serie cadetta dopo la lunga serie di play-off ha regalato grande entusiasmo e la dimostrazione sta proprio nel secondo posto conquistato dai ciociari in queste prime sette giornate disputate. 

Va poi aggiunto che, a differenza delle scelte effettuate da Santopadre e da Goretti, i Canarini hanno mantenuto in rosa diversi giocatori protagonisti del passato campionato di Lega Pro e c’è da aspettarsi che i vari Zappino, Frara e Ciofani tenteranno di prendersi la rivincita al “Curi”.

Tutto ciò renderà probabilmente la partita molto tesa e Camplone dovrà fare il possibile per creare un clima di serenità all’interno del gruppo, specialmente dopo che le due espulsioni prese contro  lo Spezia hanno dimostrato che l’entusiasmo visto finora può essere un’arma a doppio taglio: quando usato nel modo corretto il Grifo è stato inarrestabile, ma è stato sufficiente un primo tempo non all’altezza per trasformare questa spinta emotiva in frustrazione, almeno per alcuni elementi, piuttosto che in ulteriore grinta per superare gli ostacoli.

Allo stesso tempo il Perugia è consapevole di essere stato capace di schiacciare gli avversari pur giocando con due uomini in meno, segno che nell’istante di maggior difficoltà il collettivo ha risposto nel modo giusto: mister Camplone dovrà ripartire da quei minuti all’arrembaggio, perché questo sarà l’unico modo per sopperire alle tante assenze dei vari infortunati, squalificati e convocati nelle varie nazionali, oltre che confidare nel sempre calorosissimo pubblico che non mancherà l’occasione di ricordare agli ormai acerrimi avversari quel 4 maggio già entrato nella storia del Grifo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento