rotate-mobile
Sport

Perugia-Cosenza 2-2, Oddo pensa positivo: "In B è importante non perdere. E sui cambi..."

Bastone e carota da parte del tecnico nei confronti del suo Grifo: "Fa arrabbiare non vincere una partita dopo un primo tempo giocato alla grande, ma non l'abbiamo chiusa e alla fine abbiamo rischiato". Poi in sala stampa spiega le mosse fatte nella ripresa

Un pari carico di rimpianti per il Perugia di Massimo Oddo, rimontato due volte e incapace di andare al di là del 2-2 contro il Cosenza nel posticipo della 15ª giornata di Serie B al termine di una partita che alla fine il Grifo ha rischiato quasi di perdere dopo aver dominato per i primi 45'. “È stata una gara dai due volti – ha detto il tecnico biancorosso dopo il match – nella quale abbiamo disputato uno dei migliori primi tempi della stagione. Un Grifo troppo lezioso? Non penso e anche lo 'scavino' con cui Capone ha preso il palo sull'1-0 era forse l'unica soluzione che aveva col portiere in uscita. Certo, in qualche occasione potevamo fare tutto e almeno il secondo gol potevamo segnarlo ma l'approccio alla gara è stato impeccabile da parte dei ragazzi, che hanno preso di petto il match e fatto quello che dovevano fare per tutto il primo tempo. Poi il gol a freddo a inizio ripresa ci ha condizionato e siamo andati in sofferenza”.

Perugia-Cosenza 2-2: il Grifo si fa riprendere due volte e scivola a -2 dalle seconde

I CAMBI - Oddo ha poi spiegato la logica delle sostituzioni, che nella ripresa non hanno funzionato come nei piani del tecnico: “Fernandes per Capone non ha cambiato nulla, poi ho tolto Nicolussi e messo Melchiorri per passare al 4-2-4 perché iniziavamo ad essere schiacciati senza riuscire a ripartire ma alla fine stavamo soffrendo ancora di più e così sono passato alla difesa a cinque (dentro Mazzocchi per Iemmello, ndr) per non perdere la partita. In quel momento il risultato era a rischio, con il Cosenza in pressione, è ho provato a ridare compattezza alla squadra con giocatori in campo capaci comunque di ripartire”.

EMERGENZA DIFESA - La prossima sfida sarà in trasferta (Cremonese-Perugia di domenica 15 dicembre alle ore 15, ndr) e la speranza è di ritrovare uno dei punti fermi della difesa: “Gyomber? Speriamo di recuperarlo per la prossima partita – ha detto Oddo, oggi costretto a rinunciare allo slovacco vittima di un problema muscolare -. Dopo l'infortunio di Angella sia andati in difficoltà a livello numerico, con due soli centrali e Falasco che per fortuna è stato bravo ad adattarsi e sta facendo bene. Sono contento di lui come di Sgarbi e speriamo di riuscire a tenere nelle prossime 4 partite in programma fino alla sosta natalizia. Il mercato? Questo dovete chiederlo al direttore Goretti, che io ho già i miei problemi a cui pensare”.

Coppa Italia, il Perugia stende il Sassuolo a domicilio e si regala il Napoli agli ottavi

BASTONE E CAROTA - In chiusura bastone e carota per i suoi ragazzi: “Certo che sono arrabbiato dopo un primo tempo come quello di oggi: avevamo la partita in mano e li abbiamo rimessi al mondo noi con i nostri errori dopo non aver chiuso la partita. Sul primo gol ad esempio la palla poteva essere spazzata e in alcuni momenti è meglio calciare la palla in tribuna che mettersi a giocare davanti alla propria area. Detto questo guardiamo il bicchiere mezzo pieno: in Serie B è importante non perdere e noi abbiamo pareggiato, anche se questo magari ai tifosi non piacerà. Stiamo crescendo a livello di gioco ma dobbiamo crescere, migliorare e limare i difetti che abbiamo ma siamo lì nel gruppone dei playoff e sono certo che questo Grifo regalerà soddisfazioni ai suoi tifosi perché ho un gruppo fatto di  ragazzi che crede in quello che fa e lavora quotidianamente sempre al massimo. Il nostro obiettivo è restare tra le prime e continuare a crescere”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia-Cosenza 2-2, Oddo pensa positivo: "In B è importante non perdere. E sui cambi..."

PerugiaToday è in caricamento