menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grifo, Bucchi a caccia di un altro successo: "A Benevento avvelenati come sempre"

Il tecnico parla in conferenza stampa prima della trasferta nel Sannio e annuncia che non ci sarà turnover. Acampora out per un virus che lo ha debilitato nel corso della settimana

“Non andremo a Benevento col pullman scoperto per festeggiare, andremo avvelenati come sempre”: Cristian Bucchi è chiaro. Non c’è possibilità di rifiatare o di sedersi sugli allori, le quattro vittorie di fila del Perugia possono avere un significato importante solo se la squadra continuerà con la giusta mentalità.

Niente turnover – Ecco perché il mister biancorosso – memore degli azzardi di inizio stagione – non farà grandi cambiamenti rispetto alle ultime uscite, nonostante martedì si torni di nuovo in campo contro il Carpi: “Per questa partita non esiste turnover, non pensiamo alla gara di martedì. Stiamo recuperando tutti quanti ma anche per questa partita non verranno Acampora (debilitato da un virus), Mancini, Drole e Del Prete, oltre a Joss e Zavan che andranno con la Primavera”. E aggiunge: “La formazione sarà simile a quelle delle ultime due sfide, ma dobbiamo valutare un paio di giocatori”.

Sui singoli – Al tecnico viene chiesto delle condizioni di Zebli e Nicastro, il primo impegnato in settimana con la B Italia e il secondo in leggera flessione sotto il profilo delle prestazioni: “Zebli sta bene, ha 19 anni e questo lo aiuta molto. Nicastro? E’ calato un po’ nella quantità ma lo sapevamo perché è rientrato da un infortunio e nelle prime partite, avendo un carico di lavoro più leggero sulle gambe, ha potuto dare di più. Un calo è fisiologico, ma è un’atleta che un allenatore ha piacere ad allenare perché mette sempre l’anima in quello che fa. Credo che il picco negativo di condizione sia superato”.

Entusiasmo – Bucchi ricorda a tutti qual è la propria filosofia dopo un successo: “L’entusiasmo c’è nel post gara e alla ripresa degli allenamenti, ma è qualcosa di sano che non intacca la concentrazione e quello che stiamo facendo. Costruire è lungo e difficile, distruggere è un attimo e non vogliamo disperdere quello che abbiamo costruito”.

Ciclo tosto – Il tecnico ammette che quella che sta vivendo ora il Grifo “è una fase molto impegnativa: abbiamo vinto contro una candidata alla promozione, contro l’Avellino che veniva da un bel successo e con la prima in classifica. Adesso andremo a Benevento, una delle più belle sorprese del campionato insieme al Cittadella e poi con il Carpi. Un ciclo tosto, ma se manteniamo l’umiltà possiamo fare bene”.

Benevento – Per chiudere, una rapida analisi degli avversari di domani: “Il Benevento è una squadra molto aggressiva, con giocatori di qualità in mezzo al campo e davanti: Falco, Ciciretti, Melara e Ceravolo, oltre a grandi tiratori dalla distanza come Buzzegoli. Vengono da due sconfitte ma con l’Entella sono stati sfortunati. Dovremo essere bravi a tenere alta la concentrazione e non sbagliare nulla. Li conosciamo e proveremo a limitarli il più possibile”. E sul come impostare la gara, aggiunge: “Cercheremo di leggere i momenti della gara. Ci saranno delle situazioni in cui saremo aggressivi, altre in cui lasceremo a loro il pallino. Proveremo a fare il nostro gioco cercando di rimanere corti perché nelle ripartenze sono forti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento