menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Goretti e il toto allenatore: “Dobbiamo pensare al nuovo Perugia”

Il diesse: "Con Camplone ci fu uno screzio". La new entry delle ultime ore si chiama Marco Giampaolo, ex Siena e Catania, che si va ad aggiungere ai vari Bisoli – vero sogno del pubblico biancorosso –, De Zerbi, Torrente, Sabatini e Gautieri

Dopo i bilanci stilati da Massimiliano Santopadre e dall’ormai ex allenatore del Grifo Andrea Camplone, è stato il turno del direttore sportivo Roberto Goretti di dire la sua. Il dirigente perugino ha confermato che – come dichiarato qualche giorno fa dal tecnico pescarese – “abbiamo avuto uno screzio alla sesta giornata di campionato, quando io ho fatto presente quello che per me andava migliorato e lui mi ha risposto dicendo che era un allenatore e sapeva come fare. Da lì – ha aggiunto il ds – il nostro rapporto non è stato più stretto come una volta. A parte questo voglio ringraziarlo perché lo stimo sia come professionista che come persona”.

Ora sarà compito della società individuare la nuova guida del Perugia che, stando alle parole di Goretti, dovrà essere in grado di riproporre il bel gioco visto con Camplone. Nella rosa dei papabili sembra però essere giù uscito Massimo Drago, allenatore che ha raggiunto ottimi risultati con il Crotone e che si avvia a firmare con il Cesena: “Nei giorni scorsi abbiamo avuto un incontro con un tecnico che rientrava nella lista dei candidati, ma non penso ce ne saranno altri”. La dirigenza si sta dunque muovendo nel tentativo di chiudere rapidamente questo capitolo: la new entry delle ultime ore si chiama Marco Giampaolo, ex Siena e Catania, che si va ad aggiungere ai vari Bisoli – vero sogno del pubblico biancorosso –, De Zerbi, Torrente, Sabatini e Gautieri. Ma bisognerà ancora attendere perché “quello del mister è un aspetto fondamentale, una scelta delicata che merita tutte le nostre valutazioni e il nostro tempo”.

L’idea di Goretti e Santopadre per il Grifo di domani rimane la stessa dell’anno scorso: giusto mix di giovani talenti e calciatori già affermati, ma “cercheremo di fare una rosa più ampia”. E quei giocatori che hanno fatto bene nella stagione appena conclusa? “Vorremmo confermare lo zoccolo duro di quest’anno, ma sarà impossibile trattenere alcuni di loro, vedi Falcinelli, Verre, Goldaniga e Fossati”. Qualche chance in più per i senatori del gruppo – da Comotto a Giacomazzi, da Mantovani ad Amelia – ma se ne riparlerà all’inizio della prossima settimana.

Alla fine il diesse non può esimersi dal commentare la debacle nei play-off contro il Pescara: “Era la nostra prima esperienza in B e abbiamo sbagliato tutti. L’errore più grande è stato quello di pensare che in fondo si poteva pareggiare per passare il turno. Invece avremmo dovuto solo pensare a vincere”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento