menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Fabio Galeotti

Foto di Fabio Galeotti

Grifo vittorioso a Pisa, le pagelle: Di Chiara e Nicastro non perdonano, la difesa tiene botta

Tutti i voti dei giocatori del Perugia al termine della partita di Pisa vinta 1-0 dai biancorossi. Ottime le prestazioni del terzino sinistro e dell'ex Pescara

Rosati: Non viene impegnato molto dall’attacco pisano. Una buona parata nel primo tempo e un’uscita perfetta ad anticipare Lores Varela. Nella ripresa il Grifo soffre un po’ di più ma il portiere non viene mai veramente impegnato. Voto: 6

Belmonte: Primo tempo praticamente perfetto. Chiude su Sanseverino in avvio di partita e gli nega il gol, poi ferma il contropiede di Varela con grande mestiere. Commette un solo grande errore, al 55’, quando buca l’intervento che permette a Cani di arrivare sul fondo e mettere al centro dell’area un pallone estremamente pericoloso. Senza questa sbavatura la sua valutazione sarebbe davvero alta. Voto: 6,5

Mancini: Chiamato a sostituire una certezza in difesa come Volta, si comporta bene e non subisce la rapidità di Varela, così come la stazza fisica di Cani nella ripresa. Voto: 6,5

Monaco: Fin troppo duro in certi momenti dell’incontro, patisce maggiormente la rapidità del numero 10 avversario. Nonostante questo la difesa del Grifo regge bene l’urto dell’attacco pisano. Al 79’ fallisce la grande chance per il raddoppio e termina la gara bendato a causa di una brutta gomitata di Cani. Voto: 6,5

Di Chiara: Pennellata magica al 17’ che dà a Nicastro l’occasione per regalare l’1-0 al Grifo. Il terzino sinistro fa il suo sia in fase di spinta sia in difesa. Al 55’ si immola per impedire a Verna di spingere in rete il passaggio nell’area piccola di Cani e nel finale trova un altro gran cross che Monaco non sfrutta. Voto: 7

Brighi: In alcuni momenti soffre il pressing pisano, ma quando è libero di ragionare fa vedere delle ottime giocate e contribuisce al giro palla perugino. La sua esperienza è sempre un valore aggiunto. Voto: 6,5

Zebli: Partita più che discreta in fase difensiva da parte dell’ivoriano che corre e si batte su tutti i palloni. Magnifico un suo recupero nel primo tempo che impedisce a Verna di calciare a rete. Qualche nota dolente invece in fase di impostazione nella quale sbaglia qualche passaggio di troppo e consente al Pisa di ripartire. Voto: 6 (dal 65’ Acampora: Dà dinamismo a un centrocampo biancorosso un po’ in affanno nella ripresa. Al minuto 82’ va a un passo dal chiudere il match con un diagonale parato da Ujkani. Voto: 6,5)

Dezi: Meno accelerazioni del solito per il talento scuola Napoli che dà comunque un contributo importante nel corso della partita con qualche iniziativa personale di tutto rispetto. Voto: 6,5

Nicastro: Un rapinatore d’area travestito da esterno d’attacco. Il n.21 ha fiuto del gol da vendere e lo ha dimostrato anche oggi al minuto 17 quando si è inserito e ha scaraventato in rete l’assist di Di Chiara. E’ l’uomo partita, si è visto poco, ma quando si è visto ha fatto molto male a Gattuso. Voto: 7 (dal 72’ Drolé: Il giovane esterno ivoriano torna in campo dopo il lungo stop che gli ha fatto saltare le prime dodici gare della stagione. Venti minuti non eccezionali che gli serviranno però a rientrare in clima partita. Voto: 6)

Di Carmine: Rimane un po’ isolato lì davanti, ma quando c’è da avventarsi su un pallone non si tira indietro. Al 17’ non riesce a girare in porta e allora ci pensa Nicastro. Nel finale ha una buona chance ma Ujkani si oppone. Per il resto tanto lavoro al servizio della squadra. Voto: 6

Guberti: Non la partita più bella della stagione. Eppure le cose sarebbero potute cambiare se quel tiro a giro al 51’ fosse entrato. Resta il fatto che quando attacca le difese avversarie sono sempre in grande attenzione e lasciano spazi importanti agli altri giocatori avversari. Voto: 6 (dall’80’ Nicastro: s.v.)

Bucchi: Il 4-3-3 è una certezza, l’ossatura della squadra c’è e i giocatori lo seguono dando tutto fino alla fine. Mancini non ha fatto rimpiangere Volta e Nicastro gli ha regalato la seconda vittoria di fila, per di più in trasferta e contro l’amico Gattuso. E’ vero, oggi c’è stato da soffrire molto più rispetto alla gara con il Vicenza, ma con questo Pisa così arcigno era da mettere in preventivo e il Grifo dà grossi segni di miglioramento anche alla voce cinismo. La squadra sembra aver imparato la lezione dopo la sconfitta con il Carpi e la classifica sorride ai biancorossi. Voto: 7

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento