menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le pagelle: Giacomazzi salva il Grifo, ma il centrocampo e l’attacco non brillano

Giacomazzi: Segna il gol del pareggio e consente a Camplone di tirare un sospiro di sollievo. Nel bene e nel male, la prestazione di oggi ha ricordato a tutti che l’uruguaiano è e resterà per sempre un centrocampista, non un difensore centrale. Voto: 6

Provedel: Non può molto sul gol di De Luca, ma si supera pochi minuti più tardi salvando la squadra sul tiro di Galano. Nella ripresa fa lo spettatore. Voto: 6

Crescenzi: Sulla sinistra è un giocatore incontenibile, sulla destra molto meno. L’infortunio di Del Prete lo costringe a cambiare fascia e l’ex terzino del Novara va in sofferenza: sbaglia diversi palloni e si fa infilare due volte da De Luca, che in occasione del gol lascia sia lui che Goldaniga sul posto. Voto: 5,5

Goldaniga: Lascia andare De Luca che si fa beffe di lui e segna l’1-0. Nel secondo tempo è costretto al fallo e all’ammonizione per recuperare sull’errore di Crescenzi. Il rosso a Rada toglie pressione a lui e ai compagni di reparto che hanno faticato molto a contenere Galano e De Luca. Voto: 5,5

Giacomazzi: Segna il gol del pareggio e consente a Camplone di tirare un sospiro di sollievo. Nel bene e nel male, la prestazione di oggi ha ricordato a tutti che l’uruguaiano è e resterà per sempre un centrocampista, non un difensore centrale. Voto: 6

Vinicius: Non azzecca un cross e fa infuriare il pubblico perugino. Difficile credere che questo sia uno dei giocatori del futuro della Lazio. Voto: 5 (dal 31’st Perea: s.v.)

Taddei: Il gol contro il Bologna aveva fatto illudere i supporter del Grifo: torna invece ad essere il giocatore visto nel girone di andata, capace di buone giocate e di errori marchiani, incomprensibili per un giocatore con la sua carriera. Voto: 5,5 (dal 19’st Verre: Perde il ballottaggio con Taddei per la maglia da titolare, ma Camplone è costretto a metterlo in campo vista la prestazione sottotono del brasiliano. L’ex Roma offre più dinamismo del compagno di reparto e la fluidità del gioco migliora, seppur di poco. Voto: 6)

Fossati: La manovra deve necessariamente passare dai suoi piedi, ma le vacanze di fine anno sembrano avergli fatto male. Entra raramente nel vivo delle azioni e non riesce a trovare varchi utili per servire i compagni. Voto: 5,5

Nicco: Partita inguardabile del centrocampista eporediese, che sbaglia sempre scelta: nel primo tempo avrebbe l’opportunità di calciare in porta, ma preferisce servire Taddei e l’azione sfuma. Nella ripresa sbaglia un numero imprecisato di appoggi ai compagni e il pubblico lo fischia. Voto: 4,5

Parigini: L’allenatore decide di metterlo dal primo minuto al posto di Lanzafame, ma il ragazzo di Torino non ripaga la scelta di Camplone. Una prestazione incolore che dura appena un’ora. Voto: 5,5 (dal 15’st Lanzafame: Tutti si attendevano di vederlo titolare per affrontare la sua ex squadra. Invece Camplone attende che l’orologio segni il 60’ per mandarlo dentro. Sicuramente più attivo di Parigini, cerca la conclusione da fuori e un suo colpo di tacco stava per mettere Falcinelli davanti alla porta. Voto: 6)

Falcinelli: Allo scadere dei primi 45’ di gioco l’attaccante perugino trova l’inzuccata perfetta, ma il direttore di gara annulla la rete del pareggio per il fuorigioco di Parigini. Ci mette il cuore, come sempre del resto, ma lì davanti serve qualcuno di maggior peso. Voto: 6

Fabinho: Partita dai due volti. Nel primo tempo perde diversi palloni e non si rende mai pericoloso, mentre nella ripresa svaria di più e va a un soffio dal regalare i tre punti al Perugia. Voto: 6

Camplone: Difficile comprendere perché abbia preferito lasciare in panchina Lanzafame e mettere Parigini. Ora non c’è più neanche la scusa del modulo: il 4-3-3 è il sistema che predilige, ma la squadra continua a produrre gioco senza concretizzare. In conferenza stampa aveva pronosticato l’1 fisso, ma sembra che il Perugia tra le mura di casa preferisca la X. Risultato: un altro punticino che muove la classifica e la certezza che un attaccante – che sappia segnare – serva come il pane. Voto: 5,5

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento