Juve Stabia-Perugia 1-2, le pagelle del Grifo: 'Re Pietro' non abdica...

Ottima prestazione dei grifoni, in campo con il lutto al braccio per ricordare l'ex patron scomparso alla vigilia. Iemmello scatenato, Gyomber e Mazzocchi tra i migliori: Cosmi ha trasformato una squadra che ora è a -2 dal secondo posto

Le pagelle del Perugia dopo il 2-1 rifilato a domicilio alla Juve Stabia, che consente al Grifo di Serse Cosmi di tornare in zona playoff e a due sole lunghezze dal secondo posto occupato ora dal Pordenone. Tre punti pesanti conquistati con il lutto al braccio in ricordo dell'ex patron Luciano Gaucci scomparso a Santo Domingo alla vigilia della partita del 'Menti'

Le lacrime di Cosmi in tv dopo la vittoria: "Ho il cuore spezzato"

VICARIO 6,5 Subito attento in avvio su un insidioso tiro-cross di Calò, al 6' è reattivo anche in uscita bassa su Forte con l'aiuto di Gyomber. Sempre concentrato e deciso nelle uscite, è decisivo al 32' quando si allunga per deviare in corner con le dita un destro velenoso di Vitiello.

ROSI 6,5 Dalla sua parte c'è Canotto che fatica a contenere: se la cava con il mestiere e l'esperienza ma è lui con Angella a ternere in gioco l'attaccante, che poi si invola verso il gol del momentaneo pari (25'). Nella ripresa, con il Grifo rientrato dagli spogliatoi in assetto da assalto, è lui a conquistarsi il secondo rigore su una mischia nata da corner. Il capitano mette così la sua firma in calce sulla vittoria. 

ANGELLA 6,5 Di nuovo padrone al centro della difesa biancorossa, trasmette sicurezza e personalità a tutto il reparto. Poco fortunato sul gol delle 'Vespe' (tiene in gioco di un niente in gioco Canotto insieme a Rosi) legge sempre bene l'azione e rischia solamente una volta al 90', quando Rossi si libera dalla sua marcatura e spaventa Vicario. Il suo rientro ha trasformato il reparto.

GYOMBER 7 Già nella prima parte della partita sembra il più reattivo della retroguardia biancorossa, sbarrando la strada a Forte a protezione di Vicario (6') e calamitando ogni palla che gravita in area. L'ex grifone (9 gol in campionato) è l'attaccante che passa più spesso dalle sue parti ma lui lo cancella praticamente dal match.

FOTO Addio a Gaucci, l'omaggio dei social tra cordoglio e nostalgia

MAZZOCCHI 7 Altra prestazione maiuscola per il 'pendolino' biancorosso, tornato protagonista sotto la gestione Cosmi in un 3-5-2 che sembra fatto su misura per la sua corsa e la sua velocità. Dopo un buon primo tempo è però nella ripresa che mette il turbo: subito un pericoloso tiro-cross 'smanacciato' in tuffo da Provedel (47'), poi il cross per Iemmello fermato con una prodezza dall'ex portiere del Grifo (51'), un'imbucata da trequartista ancora per 'Re Pietro' (68') e infine il blitz che lo porta a sbagliare il colpo del ko con il destro dal limite (72').

FALZERANO 6,5 Corsa e sacrificio e un lavoro prezioso anche in una gara che lo vede brillare meno di altre volte. Un lavoro 'sporco' a servizio della squadra e che lo porta a coprire le spalle a Mazzocchi, come nel fondamentale recupero difensivo su Di Mariano due minuti dopo il nuovo vantaggio del Grifo (73')

KONATE 5,5 Cosmi gli dà fiducia preferendolo di nuovo a Carraro dopo gli affanni del match vinto con il Livorno e lui sembra rispondere bene: fa da elastico partendo in pressing alto sulle ripartenze delle 'Vespe' e sradica diversi palloni dai piedi avversari. Il problema nasce quando c'è da impostare e al primo pallone perso malamente accusa il colpo, perde sicurezza e non riesce a frenare la sua irruenza incappando così nel fallo sistematico, anche dopo essere stato ammonito. E Cosmi è costretto a toglierlo (dal 1' st CARRARO 6 Rimasto a Perugia nonostante le voci di mercato, inizia di nuovo dalla panchina e non è facile per lui l'approccio alla gara quando viene chiamato in causa a inizio ripresa. Si piazza davanti alla difesa dove, pur restando più bloccato rispetto a Konate, riesce comunque a mettere ordine e dare il suo contributo nel secondo tempo giocato dal Grifo. Da oggi però dovrà affrontare anche la concorrenza del nuovo arrivato Greco)

NICOLUSSI CAVIGLIA 6,5 La cosa che impressiona di più del 19enne talento juventino è la personalità che mette in campo, senza mai tremare o aver paura di cercare la giocata difficile. Anche a costo di sbagliare come all'85', quando fa infuriare Cosmi per un destro in curva dopo che aveva attaccato bene lo spazio, perfettamente servito da Iemmello. Prima di questo errore però, una prestazione 'vera' fatta di dinamismo e qualità.

NZITA 6,5 Con Gyomber alle spalle ha licenza di offendere e al 16' è lui a propiziare con il dribbling su Di Gennaro e il cross per Iemmello il primo rigore. Il bomber gli restituisce il favore più tardi (38') mettendolo a tu per tu con Vicario, ma il suo tiro a colpo sicuro è deviato in corner da Fazio. Nella ripresa, probabilmente su indicazione di Cosmi, resta più bloccato e spende bene il giallo su Canotto (52'). Nel finale proprio l'attaccante sembra il più pericoloso dei campani e Cosmi lo richiama in panchina, spostando il più esperto Rosi a sinistra (dal 36' st RAJKOVIC SV Arrivato da pochi giorni, con il Grifo in vantaggio si piazza nella nuova super difesa di Cosmi con grande sicurezza)

VIDEO Da Matarrese a Santo Domingo: Gaucci è ancora virale

FALCINELLI 6,5 Gran bel primo tempo quello di 'Dieguito' che fa il lavoro 'sporco' girando intorno a Iemmello, difendendo e conquistando palloni con fisico e lucidità. Proprio lui innesca Nzita nell'azione del primo rigore, permette alla squadra di salire con le sponde e non si fa mai anticipare. Gli manca però il gol e lo cerca invano a inizio ripresa, quando però calcia troppo debolmente per impensierire Provedel. Dopo aver 'tirato la carretta' in questo mese di gennaio poi mostra i primi segni di affaticamento e Cosmi lo richiama in panchina (dal 23' st MELCHIORRI 7 Match-winner contro il Livorno, è lui a far posto a Iemmello ma dimostra di poter essere preziosissimo anche a gara in corso. Un minuto dopo il suo ingresso il Grifo conquista il secondo rigore, ma lui è protagonista dopo con numeri di alta classe e visione di gioco negli spazi lasciati da una Juve Stabia ora a caccia del pari. Splendidi gli assist non sfruttati da Mazzocchi al 72' e da Iemmello all'88' dopo che lui stesso aveva sfiorato il gol di tacco) 

Perugia, Iemmello c'è: "Giorni difficili col mercato, ma al Grifo ci tengo"

IEMMELLO 7,5 Dopo la 'telenovela' dell'ultimo giorno di mercato e le 'frecciatine motivazionali' di Cosmi alla vigilia, 'Re Pietro' dimostra di non voler abdicare e ribadisce l'importanza del suo ruolo in squadra. Lo fa con un rigore conquistato e due trasformati (8 su 8 in campionato), uno splendido assist non sfruttato da Nzita (38'), un incrocio sfiorato su punizione (56'), un palo colpito (88') e un altro paio di gol mancati (per una prodezza di Provedel al 51' e per imprecisione nel recupero). Le reti in campionato salgono comunque a quota 17 per il capocannoniere della B, oggi sempre 'dentro' la partita e al fianco dei compagni. Cosmi ha un 'nuovo' acquisto.

ALL. COSMI 7,5 La partita di Iemmello è il simbolo del lavoro fatto da Cosmi in questo gennaio sulla testa di tutto il gruppo. Pungolato senza troppi giri di parole nella conferenza stampa della vigilia, dopo la squalifica gli riconsegna una maglia da titolare facendo fuori Melchiorri, che con il Livorno era stato il migliore in campo e match-winner. E la risposta di 'Re Pietro' arriva sul campo dove - al di là della doppietta - è sempre 'dentro' la partita insieme ai compagni. Un Grifo tosto e affamato quello che batte a domicilio una Juve Stabia reduce da 6 risultati utili di fila, capace di reggere l'urto di fronte all'avvio aggressivo dei campani, puniti poi alla prima occasione. In difficoltà solo Konate, confermato dal tecnico, in un Grifo che si fa però beffare in contropiede e rischia anche di subire il raddoppio con lo stesso copione. Cosmi corre allora ai ripari con Carraro dentro in regia e il suo Grifo nella ripresa va a prendersi la vittoria, con un secondo rigore e sprecando diverse occasioni. Comunque senza più rischiare fino all'ultimo dei sette minuti di recupero grazie a una difesa che ora è davvero super. E il secondo posto adesso è a due sole lunghezze...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Carlo Acutis, a dieci giorni dalla beatificazione aperta la tomba ad Assisi

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Super vincita in Umbria, con un biglietto da 5 euro porta a casa 500mila euro

  • Un'azienda perugina protagonista al matrimonio vip di Elettra Lamborghini sul Lago di Como

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento