menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il "Perugia dei miracoli" entra nel dna cittadino: inaugurato il Piazzale dell'Imbattibilità

Grande festa per il Grifo di Castagner che nella stagione '78-'79 chiuse senza perdere mai in campionato. Il sindaco ha inaugurato il piazzale che ricorda quell'impresa

Perugia rende omaggio agli “imbattibili”, alla squadra che nella stagione ’78-’79 ha fatto sognare un’intera città chiudendo il campionato di serie A con il numero zero alla voce sconfitte e andando a un soffio dal vincere lo scudetto, preceduta solo dal Milan. Nel pomeriggio del 12 maggio il piazzale antistante i campi di allenamento del Grifo è divenuto il Piazzale dell’Imbattibilità, in ricordo di quel “Perugia dei miracoli” che riuscì nell’impresa di non perdere per ben 30 partite consecutive.

Al taglio del nastro era presente, oltre al presidente del Perugia Massimiliano Santopadre, colui che guidò la squadra in quella magica stagione, ovvero Ilario Castagner. L’ex tecnico di Vittorio Veneto è apparso emozionato e ha voluto parlare a nome di tutto quel gruppo, da lui stesso definito “molto unito. E la conferma l’ho avuta qualche giorno fa quando a Vado, all’intitolazione dello stadio al ‘Tigre’ Ceccarini, erano presenti ben 8 giocatori di quel Perugia”. “Quando entravamo al Curi e vedevamo gli spalti pieni – ha proseguito Castagner – era magnifico e mi dicevo sempre che era impossibile perdere con un pubblico del genere”.

Folta rappresentanza anche di figure istituzionali, a partire dal sindaco Andrea Romizi: “Diciamo che sono nato sotto una buona stella, visto che sono del 1979, proprio l’anno dell’impresa del Grifo. E’ stato uno dei momenti più alti raggiunti dallo sport perugino e siamo onorati di poter ricordare quella magnifica annata”. Prima di Romizi avevano parlato gli assessori Wagué e Prisco, che hanno voluto ringraziare “la Commissione toponomastica per aver dato il via libera all'unanimità all’intitolazione del piazzale, oltre a mister Castagner e agli altri protagonisti di quella squadra”.

Negli istanti che hanno preceduto il taglio del nastro ha preso la parola il presidente Santopadre: “All’epoca del Perugia dell’imbattibilità ero un bambino, ma mi ricordo delle gesta di questi grandi giocatori che seguivo grazie a 90° minuto, al telegiornale e alle altre trasmissioni dell’epoca”. “Chiaramente – ha concluso il massimo dirigente biancorosso – sono qui a rappresentare l’attuale Perugia, ma in ogni caso questi sono eventi che hanno una grande eco e la dimostrazione è che dopo 40 anni siamo ancora a parlare di quella fantastica annata”.

La pioggia ha deciso a suo modo di “bagnare” l’evento, a cui ha partecipato in via del tutto ufficiosa anche Walter Novellino, che nell’estate del 1978 passò proprio dal Grifo al Milan. Quel Milan che strappò nel finale di stagione lo scudetto ai biancorossi in un modo che fa ancora discutere i tifosi e che per certi versi rese amaro il record dell’imbattibilità, eguagliato solo dai rossoneri nel 1991-1992 e dalla Juventus di Antonio Conte.

Piccola nota stonata sono stati alcuni mugugni sulla location riservata agli “eroi” della Perugia sportiva: il piazzale interessato è infatti quello che solitamente ospita il circo e la carovana degli addetti dei “Baracconi”, sterrato e senza un reale collegamento con l’impianto sportivo che da tanti anni ospita le partite del Grifo. Forse un’impresa del genere avrebbe meritato di essere impressa per sempre in un luogo più consono. Ma al di là dei luoghi fisici, quello che conta veramente è la memoria collettiva dei tifosi perugini e le storie e le leggende su quell’annata che continuano ad essere tramandate di generazione in generazione. Con la speranza che Perugia e il Perugia possano tornare a sognare in grande, come fecero Castagner, Frosio, Bagni, Vannini, Speggiorin e tutti quei Grifoni che hanno consentito a questa città di entrare nella storia del calcio italiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento