menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Gubbio porta a casa un punto, pareggio contro la Carrarese

Primo tempo sonnolento, nei primi 45 minuti di gioco, infatti, l'attacco del Gubbio risulta di fatto non pervenuto e in questo modo la Carrarese ha tutto il tempo per prendere le misure alla retroguardia rossoblù

Il Gubbio torna a casa con un buon punto dallo "Stadio dei Marmi" di Carrara, frutto dell'1-1 strappato nel finale contro gli azzurri di mister Gian Marco Remondina.

Primo tempo piuttosto sonnolento, con i ragazzi di Acori che approcciano al match in maniera guardinga, concedendo quasi nulla agli avversari, senza però essere in grado di ripartire in azioni di contropiede.

I carraresi sono più propositivi rispetto agli umbri e cercano la via del gol in un paio di occasioni: al 16' ci prova Merini di testa, ma il suo tentativo finisce alto sopra la traversa di Iannarilli. Alla vigilia il bomber dei toscani era probabilmente l'uomo più temuto da Acori, avendo segnato 5 reti nelle prime 7 giornate di campionato. Passano più di 20 minuti ed ecco la seconda opportunità dei padroni di casa con Cellini che serve in area Gnahoré: il francese di origini ivoriane sbaglia però la conclusione e spreca così la miglior chance per i suoi di tutto il primo tempo.

Nei primi 45 minuti di gioco l'attacco del Gubbio risulta di fatto non pervenuto e in questo modo la Carrarese ha tutto il tempo per prendere le misure alla retroguardia rossoblù. Nella ripresa è proprio Merini a rendersi pericoloso con un bellissimo tiro parato da Iannarilli: sul corner che ne scaturisce il più lesto a staccare è Berra, ma gli eugubini sono fortunati e la palla esce di poco.

Sembra una partita destinata ad un scialbo 0-0, perché la Carrarese non riesce a trovare il bandolo della matassa e il Gubbio rimane ben chiuso nella propria trequarti, ma al 72' ecco il primo dei due episodi chiave. Merini scappa dalla marcatura di Manganelli in area di rigore e il difensore rossoblù non può far altro che atterrarlo. L'arbitro decreta il calcio di rigore per i padroni di casa: dal dischetto va Marco Cellini, una stagione in Umbria con il Perugia, che non sbaglia e porta avanti i suoi.

I ragazzi di Acori, a differenza di altre occasioni in cui lo svantaggio è coinciso con un crollo a livello di idee e di gioco, reagiscono bene e con il neo entrato Marchionni che a 6 minuti dal termine regala l'opportunità a Loviso per trovare il pari, subendo un brutto fallo da Teso, espulso dal direttore di gara: punizione dai 20 metri calciata magistralmente dall'ex Bologna e Calderoni non può far altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco.

L'1-1 regge fino alla fine, con il Gubbio che può comunque festeggiare il terzo risultato utile consecutivo, dopo le vittorie con Savona e Prato, mentre resta l'amaro in bocca ai toscani, che avevano pregustato il secondo successo di fila e si sono invece dovuti accontentare del settimo pareggio in otto gare di campionato.

CARRARESE-GUBBIO 1-1 (0-0)

CARRARESE (4-3-1-2): Calderoni; Sbraga, Benassi, Teso, Lancini; Castagnetti, Brondi, Gnahorè; Belcastro; Cellini, Merini. All.: Gian Marco Remondina

GUBBIO (4-3-3): Iannarilli; D’Anna, Lisicki, Rosato, Caldore; Loviso, Domini, Casiraghi; Mancosu, Vettraino, Regolanti. All.: Leonardo Acori

ARBITRO: Pillitteri di Palermo

MARCATORI: 27'st Cellini su rig. (C), 39'st Loviso (G)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento