menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La grande festa del Grifo: presentate le nuove maglie, c'è un'importante novità

Al termine della cerimonia di inaugurazione del museo, il presidente Santopadre ha presentato le casacche con le quali il Perugia scenderà in campo la prossima stagione

Senza un’ottima di sosta. Il 7 luglio 2016 sarà ricordato per molto tempo da tutti i tifosi del Grifo. Prima l’inaugurazione del museo, poi la presentazione delle maglie in vista della nuova stagione: un vero tripudio per il presidente del Perugia Massimiliano Santopadre e per tutta la società biancorossa.

Svelate – Le casacche per l’annata calcistica 2016-2017 – prodotte dalla Frankie Garage, la marca d’abbigliamento di Santopadre – cercano di rimanere sul solco della tradizione. I cambiamenti rispetto a 12 mesi fa sono pochi ma significativi, a partire dal colletto, che diventa a righe bianche e rosse. Ma la cosa che più colpisce è sicuramente il simbolo della squadra, il Grifo: ricamato e in stile retrò, a ricordare quello cucito sulla maglia di grandi del passato, a partire dall’indimenticato Renato Curi. Per il resto nessun stravolgimento: sulla divisa casalinga i pantaloncini saranno bianchi, su quella da trasferta rossi, come vuole la tradizione, e anche su di essi troveremo il simbolo della città. Discorso simile per i calzettoni, rossi inframezzati da una banda orizzontale bianca che contiene la scritta “AC PERUGIA” (divisa casalinga), bianchi con una fascia rossa per quelli da trasferta.

Presentatore d’eccezione – A svelare le divise è stato Massimiliano Santopadre, che ci ha tenuto a ricordare che “dopo gli errori degli anni passati, abbiamo capito quello che va conservato e quello che può essere cambiato. Sicuramente non va modificato il monocolore della maglia e dei pantaloncini, mentre abbiamo deciso di onorare la storia di questa squadra e la memoria di Curi ricamando sul petto il Grifo. Non vi è dubbio – ha proseguito il presidente – che questo ha comportato una spesa economica aggiuntiva, ma abbiamo volentieri accettato di farla per dare un tocco speciale a questa maglia”.

Prima del rompete le righe una sorpresa per tutti i tifosi: sul palco sono saliti alcuni componenti del Living Group, la band che negli anni ’70 scrisse l’inno del Grifo, “Alè Perugia”. I quattro cantanti hanno così intonato il pezzo, conosciuto da tutti i tifosi dei biancorossi, coinvolgendo nel coro anche Santopadre e i responsabili del marketing. Con questa immagine – e con l’apertura al pubblico del museo – si è così chiusa una giornata meravigliosa, che consentirà ai perugini di identificarsi sempre di più con la squadra di calcio della propria città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento