Derby umbro, la Ternana sconfitta sul campo fa ricorso e prova a vincerlo a tavolino

La società rossoverde presenterà ricorso alla Figc per l'impiego da parte del Perugia di Gnahoré che non avrebbe potuto giocare in base alle norme federali

Ve lo ricordate il detto “Quando la volpe non arriva all’uva dice che è acerba”? Ecco, sembra un po’ questo il comportamento della Ternana, fresca di sconfitta nel derby umbro contro il Perugia. La società rossoverde ha annunciato che farà ricorso alla Figc per l’utilizzo da parte del Grifo di Eddy Gnahoré, chiedendo la vittoria a tavolino. L’impiego del centrocampista francese, secondo le fere, avrebbe violato l’articolo 95 delle Noif, le norme organizzative interne della federazione calcistica italiana.

L’articolo – “Nella stessa stagione sportiva un calciatore professionista può tesserarsi, sia a titolo definitivo che a titolo temporaneo, per un massimo di tre diverse società appartenenti alle Leghe, ma potrà giocare in gare ufficiali di prima squadra solo per due delle suddette società”. Questo il testo del secondo comma dell’articolo 95, quello che, ha detta della Ternana, il Perugia avrebbe violato.

La situazione Gnahoré – Cerchiamo però di capire bene la questione. Il centrocampista è rientrato al Napoli, squadra che ne detiene il cartellino, dopo il prestito al Carpi, terminato nel luglio del 2016. In seguito la società partenopea ha ceduto nuovamente in prestito il calciatore al Crotone, squadra con la quale ha giocato un solo spezzone di partita, salvo poi tornare nuovamente a Napoli a metà stagione. Il Perugia lo ha quindi prelevato nella sessione di mercato chiusasi lo scorso 31 gennaio. In questo modo i passaggi sarebbero più di quelli consentiti dal regolamento. C’è un ma, in questa vicenda, che potrebbe risolvere la questione. Nelle Noif è stata inserita una novità: se un giocatore si trasferisce da un club all’altro passando da quello di appartenenza nella stessa giornata (come avvenuto con Gnahoré: Carpi-Napoli-Crotone e Crotone-Napoli-Perugia), il rientro alla società che ne detiene il cartellino non viene conteggiato.

Tutto in regola – Il Perugia però si dice tranquillo: la società biancorossa ha infatti ricevuto il nulla osta della Lega al trasferimento, passaggio fondamentale per tesserare in modo regolare un calciatore. Ora parola al giudizio della Figc: se la Ternana dovesse vincere il ricorso otterrebbe un 3-0 a tavolino che varrebbe più per la classifica che per il morale, in quanto il campo ha già emesso la propria sentenza. In caso contrario, le fere farebbero solo una figuraccia che non potrebbe rendere più felici i tifosi del Grifo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento