rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Sport

Costanza Laliscia "regina" nell'endurance equestre Fursan Race in Arabia Saudita: un sesto posto che vale una vittoria

Prestazione da applausi per l’amazzone del Fuxiateam e il suo purosangue arabo nella gara internazionale nel deserto saudita dove hanno rappresentato l'Italia. Migliore atleta più giovane, ultimo giro alla media record di 23.639 km/h, nessuno ha fatto meglio fra i 200 binomi al via

Costanza Laliscia "regina" nell'endurance equestre Fursan Race in Arabia Saudita: un sesto posto che vale una vittoria

Un traguardo che vale più di una vittoria. E' senza dubbio quello del sesto posto conquistato alla Fursan Cup 2022 da Costanza Laliscia, la 22enne amazzone perugina del Fuxiateam di Italia Endurance Stables & Academy, che sabato 29 gennaio ha rappresentato l'Italia nel deserto saudita di Al-Ula. Sesta nella gara sui 120 chilometri che ha visto confrontarsi i migliori 200 binomi del mondo in rappresentanza di 30 nazioni, e cavaliere più giovane con la miglior classifica finale, Costanza è stata capace di centrare il suo miglior risultato in una gara nel deserto e in sella a Emirat du Barthas, purosangue arabo grigio del 2004, ha confermato ancora una volta le grandi doti di gestione dei cavalli anche nelle situazioni più difficili.

La Fursan Cup e il suo fascino

La Fursan Cup 2022, oltre a un lotto di partecipanti di prim’ordine nel quale figuravano campioni mondiali e vincitori delle gare più importanti a livello internazionale degli ultimi anni, presentava un tracciato quanto mai impegnativo: sabbia profonda e un’altimetria ritmata hanno richiesto doti non comuni a cavalli e cavalieri. Ma Costanza ed Emirat du Barthas ne sono venuti a capo in maniera brillante, chiudendo alla media complessiva di 16.252 km/h con l’ultimo dei quattro giri coperto alla media record di 23.639 km/h. Il binomio del Fuxiateam, che ha costruito il proprio exploit nelle strutture di Agello di Italia Endurance Stables & Academy, è stato protagonista di una prova tatticamente perfetta: 62esimo al primo giro, 38esimo al secondo, 13esimo al terzo e sesto al traguardo per un sabato impossibile da dimenticare.

“E’ stata dura – commenta Costanza Laliscia – e proprio per questo estremamente esaltante. Emirat du Barthas, cavallo giovane e all’esordio in una gara nel deserto, ha corso da veterano, si è adattato benissimo al percorso, è cresciuto di chilometro in chilometro e mi ha dato costantemente la sensazione di essere in condizione di dare il massimo. L’ultimo giro a quella media, la migliore fra tutti i binomi in gara, è stato fantastico”.

Soddisfazione alle stelle anche nel Fuxiateam di Italia Endurance Stables & Academy. A testimoniarla è proprio la presidente Simona Zucchetta: “Per quanto Costanza ci abbia abituato a risultati di grande spessore, ciò di cui è stata capace ad AlUla insieme ad Emirat du Barthas merita un applauso speciale. Come al solito ha saputo trasformare il grande lavoro quotidiano del team in una performance memorabile, supportata in gara da due assistenti di prim’ordine come Alessandro Cocciuti e Carlo Di Battista”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costanza Laliscia "regina" nell'endurance equestre Fursan Race in Arabia Saudita: un sesto posto che vale una vittoria

PerugiaToday è in caricamento