Sport

Gubbio-Perugia 3-2, Caserta: "Dominato per 70', poi abbiamo perso la testa"

Il tecnico amareggiato dopo il ko nel 'derby': "Non siamo stati bravi a chiuderla, poi dopo il pari ci siamo depressi e questo non deve succedere. Classifica? Non va guardata, ora bisogna solo pensare al Sudtirol"

Fabio Caserta è amareggiato e deluso dopo il ko del suo Perugia nel 'derby' di Gubbio, dove il suo Grifo era andato avanti subito con Murano per poi crollare nella ripresa. 

"È difficile dare una spiegazione - dice il tecnico biancorosso nel post partita ai microfoni di Umbria Tv -. Da bordo campo non ho mai avuto paura di poter pareggiare o perdere questa gara perché per 70' l'abbiamo dominata, creando tanto senza rischiare niente se non sul tiro di Malaccari parato da Fulignati nel primo tempo". Il 'tilt' è stato mentale: "Dopo aver sprecato le occasioni per il raddoppio ci siamo fatti sorprendere su un calcio da fermo e da lì abbiamo perso un po' la testa, cosa che non ci possiamo permettere - dice Caserta -. Il gol si può prendere ma non bisogna deprimersi".

Angella: "Ko che fa male, col Sudtirol chance per il riscatto"

Poi la 'replica' a distanza al tecnico eugubino Torrente, secondo cui è stato decisivo il passaggio alla difesa a tre del Grifo che lui ha poi attaccato nella ripresa passando a sua volta a un 3-4-1-2: "Siamo stati puniti da due episodi e non penso che il fattore tattico sia stato decisivo - spiega il tecnico del Peugia - anche perché siamo passati a tre dietro già nel primo tempo, con l'accentramento di Favalli, per aiutare Vanbaleghem che era in dfficoltà sulle palle in profondità".

La classifica: Padova e Sudtirol non steccano, il Grifo perde terreno

E se il primo posto ora sembra lontanissimo, Caserta invita tutti a non guardare la classifica: "La siutazione può cambiare di turno in turno come è già successo negli ultimi due, ora bisogna solo recuperare le energie fisiche e mentali dopo un ko che ha fatto male ai ragazzi e pensare solo alla prossima partita contro il Sudtirol, che sarà dura". E a chi gli chiede se al Grifo sia mancata la 'cattiveria', l'allenatore risponde così: "A Padova forse potevamo fare di più, ma con il Carpi e oggi ho visto la squadra lottare palla su palla e giocato come dovevamo nonostante l'emergenza e i tanti infortuni. Se c'è una cosa che mi dà un po' fastidio - conclude - è il fatto di non riuscire a chiudere le partite come successo oggi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gubbio-Perugia 3-2, Caserta: "Dominato per 70', poi abbiamo perso la testa"

PerugiaToday è in caricamento