menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermana-Perugia 1-1: segna Elia (poi ko) ma è tutto Vano, il Padova gode

Nel recupero il Grifo la sblocca col jolly, colpisce due pali con Falzerano e resta in dieci (al 35' rosso a Vano appena entrato), ripreso così da Boateng nel secondo tempo. E la vetta resta lontana...

Altro gol di Elia (poi ko) ma è tutto Vano: nel recupero sul campo della Fermana non basta il gol del jolly atalantino, che si fa male e lascia il posto all'attaccante che al 35', a un minuto dal suo ingresso in campo dopo due legni colpiti da Falzerano, si fa espellere per una gomitata rifilata a Iotti con l'arbitro a due passi. Nella ripresa così i marchigiani hanno spinto e pareggiato con Boateng e non è bastato il coraggio di Caserta (passato al 3-4-2 nel finale) per vincere e riavvicinarsi al Padova capolista, ora lontano sei punti a cinque gare dalla fine della regular-season del girone B di Serie C.

Caserta: "Rosso esagerato, ma ci credo ancora. Elia? Sta bene"

LE 'MOSSE' DEI TECNICI - Out dai convocati solo Favalli e Negro, nel Perugia sono tre i cambi rispetto all'undici titolare dell'ultimo match vinto a Imola: in mediana con Kouan ci sono Moscati in regia e Sounas (panchina per Burrai e Vanbaleghem) mentre sulla trequarti Falzerano viene preferito a Minesso (che oggi festeggia 31 anni) per supportare Murano insieme a Elia. Confermata in blocco da Fabio Caserta invece la difesa con Minelli tra i pali, Cancellotti e Di Noia terzini ai lati della coppia formata da Angella e Monaco. Sull'altro fronte 4-4-2 per la Fermana dell'ex grifone Giovanni Cornacchini, cono Rossoni al posto di Mosti in difesa e Iotti preferito a Fabris a centrocampo mentre in attacco c'è Cais al fianco di Boateng. 

SUBITO ELIA - Il copione del match è subito chiaro: il Grifo prova a fare la partita contro gli aggressivi padroni di casa, che aspettano compatti pressando a metà campo. Il primo a provarci dalla lunga distanza è Moscati, che prova a sorprendere il portiere con un pallonetto a fil di traversa (2') mentre Elia all'8' è costretto a spendere il giallo per fermare la ripartenza di Boateng, innescato da un passaggio sbagliato da Di Noia su corner a favore. L'attaccante di casa è ispirato e podo dopo sfiora il palo col destro in girata (sponda di Urbinati su rimessa laterale), mentre il Perugia prova ad approfittare di un errore di Manetta: l'ex Potenza lo supera col 'sombrero' in area ma viene chiuso dal recupero Scrosta. Servirebbe una grande giocata per sbloccare lo stallo e il Grifo ne trova tre in una sola azione: splendida la sventagliata di Moscati, altrettanto lo è il cross al volo col sinistro di Di Noia verso Elia (già a segno nell'ultimo a Imola) che sbuca sul secondo palo insaccando di prima (18').

Fermana-Perugia: la cronaca 'live' del match

HARAKIRI VANO -  La squadra di Cornacchini prova a reagire subito con un colpo di testa di Cais alto di poco (23') e va vicinissima al pari al 25': retropassaggio di testa sbagliato da Angella, Boateng si avventa sul pallone e supera Minelli in uscita ma poi a porta vuota, troppo defilato sulla sinistra, non riesce a centrare la porta vuota. Il Grifo capisce che deve chiuderla e alza i giri, ma è il palo a fermare il sinistro di Falzerano. Nel frattempo Caserta perde Elia per infortunio e inserisce Vano, che serve subito di testa Murano con Falzerano che colpisce poi un'altra volta il legno sul tiro dell'ex Potenza respinto da Ginestra. La fortuna sembra aver svoltato le spalle al Grifo che decide di complicarsi ancora di più la vita con Vano, che sgomita Iotti con l'arbitro a due passi e si becca il rosso diretto. La gara si incattivisce e prima del riposo finiscono sulla lista degli ammoniti anche Moscati e Rossoni. 

NON BASTA IL CORAGGIO - Nella ripresa la Fermana vuole a tutti costi sfruttare la superiorità numerica e al 55' trova il pari: cross dalla trequarti di Neglia, sponda di Cais e Boateng brucia Di Noia per infilare da due passi Minelli e segnare di testa il gol del pari. Il Grifo accusa il colpo e Caserta prova a dargli nuova linfa inserendo prima Bianchimano e Crialese al posto di Murano e Sounas (62') e poi Melchiorri e Crialese per Angella e Di Noia per passare a un coraggioso 3-4-2. Il pari serve a poco e il Perugia ci prova, lasciando però spazi alle ripartenze marchigiane ed è clamoroso il rigore in movimento sbagliato da Urbinati su cross di Fabris (79'). Nel finale saltano gli schemi ed è un botta e risposta continuo, ma nessuno dei colpi va a segno e il recupero finisce con un 1-1 che certifica forse l'addio ai sogni di primo posto del Grifo.

La nuova classifica e il prossimo turno

IL TABELLINO:

Fermana-Perugia 1-1

FERMANA (4-4-2): Ginestra; Rossoni (5' st Fabris), Manetta, Scrosta, Sperotto (5' st Mordini); Iotti (22' st Grossi), Urbinati, Graziano (22' st Mosti), Neglia; Cais, Boateng (25' st D'Anna). A disp.: Massolo, Manzi, Kasa, Cremona, Palmieri, Grbac, Bonetto. All. Giovanni Cornacchini

PERUGIA (4-3-2-1): Minelli; Cancellotti, Monaco, Angella (28' st Melchiorri), Di Noia (28' st Minesso); Kouan, Moscati, Sounas (17' st Crialese); Elia (34' pt Vano), Falzerano; Murano (17' st Bianchimano). A disp.: Fulignati, Bocci, Negro, Rosi, Vanbaleghem, Burrai, Minesso, Melchiorri. All. Fabio Caserta

ARBITRO: Daniele Rutella di Enna

NOTE: Espulso: al 35' pt Vano (P) per gioco pericoloso. Ammoniti: Rossini, Fabris (F); Elia, Moscati, Crialese, Kouan, Minesso (P)

MARCATORI: 18' pt Elia (P); 10' st Boateng (F)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento