Sport

Cesena-Perugia 1-1: Grifo beffato al 90', la vetta diventa un 'miraggio'

Solo un pari per il Grifo nel primo dei due recuperi: rigore negato nel primo tempo a Melchiorri, che nella ripresa propizia l'autogol di Favale 'imitato' però da Cancellotti nel finale. E il Padova capolista resta lontano...

Solo un pari per il Perugia a Cesena nel primo dei due recuperi (la gara con i romagnoli fu rinviata per Covid, quella con la Fermana invece per neve): rigore negato nel primo tempo a Melchiorri, che nella ripresa propizia l'autogol di Favale 'imitato' però da Cancellotti nel finale. Finisce 1-1 con il Grifo che resta lontano (ora a -7) dal Padova capolista.

LE SCELTE - Senza Falzerano (ko a Padova e in infermeria come Negro e Rosi) Caserta rilancia dal primo minuto Minesso sulla trequarti a sostegno di Melchiorri e di Murano, che torna titolare con Elia di nuovo terzino a destra (dall'altra parte c'è Crialese) mentre a centrocampo c'è Moscati in regia (panchina per Burrai) con Kouan (dentro per il forfait di Di Noia all'ultimo minuto) e il rispolverato Vanbaleghem. Sull'altro fronte 4-3-3 per il Cesena di Viali, con Di Gennaro playmaker e tridente formato da Bortolussi, Caturano e Zecca.

Comotto è una furia: "Arbitraggio scandaloso, ma non molliamo"

RIGORE NEGATO - Nel Grifo c'è voglia di rivalsa e l'approccio alla gara è quello giusto: Minesso verticalizza subito per Melchiorri che va via in tunnel a un avversario e innesca Murano, bravo a portarsi la palla col tacco sul sinistro ma poi 'murato' da un difensore. Il Perugia insiste e dopo un bello scambio tra Melchiorri e Murano (intercettata poi da Longo l'ultima 'imbucata' dell'ex Potenza) si dispera al 15' quando Melchiorri, dopo un errore di Ricci, si invola verso la porta e viene vistosamente trattenuto da Ciofi al momento di calciare: sarebbe rigore con rosso al difensore ma l'arbitro lascia incredibilmente proseguire il gioco.

MURANO AL PALO - Una conclusione dello stesso Ciofi parata da Fulignati è la replica del Cesena, ma la squadra di Caserta non si spaventa e continua a spingere imprecando però a ancora (stavolta contro la sfortuna) al 22': colpo di testa di Murano su cross della trequarti e palla respinta dal portiere sul palo e poi sui piedi di Minesso, che appoggia a Crialese murato da un difensore. I romagnoli intanto prendono pian piano le misure al Perugia, che non riesce più ad affondare come prima e ci prova allora due volte ma senza successo con Moscati: palla alta alla mezz'ora e incrocio sfiorato con il destro a giro su una punizione dal limite a un passo dal riposo.

La nuova classifica: il Perugia ora è terzo

MELCHIORRI TRASCINA - La ripresa inizia senza cambi e come nel primo tempo è il Perugia a partire più forte: destro al volo di Melchiorri con il destro e buona presa di Nardi, reattivo e ben piazzato (48'). Il Cesena però non sta più a guardare e serve una decisiva (pur se rischiosa) chiusura in tackle di Kouan su Zecca (sul successivo angolo colpo di testa di Caturano e palla alta). Viali getta nella mischia Sorrentino per Caturano in attacco e Maddaloni per Ciofi in difesa, mentre Caserta risponde con Vano al posto di Minesso. Una mossa di cui beneficia Melchiorri, che è ora libero di svariare nel ruolo di rifinitore e al 60' con un cross dalla destra propizia l'autogol di Favale, che di testa beffa il proprio portiere. Il 'Cigno di Treia' è scatenato e due minuti sfiora il raddoppio, colpendo il palo con uno splendido sinistro a giro.

BEFFA AL 90' - Il Cesena reagisce ed è prima Moscati ad anticipare al momento giusto Bortolussi su un cross di Zecca dalla destra (62'), mentre Di Gennaro sfiora solamente l'incrocio su calcio di punizione (65'). Il Grifo ha spazi per ripartire ma Murano con il piattone non inquadra la porta dopo un bel cross di Crialese (70'). Ancora vane le proteste biancorosse poi quando Vano va giù in area un minuto dopo e Caserta intanto, per non rischiare niente, passa al 3-5-2 togliendo Melchiorri e Murano inserendo Monaco e Bianchimano. Ed è proprio quest'ultimo ad essere fermato da una provvidenziale uscita di Nardi dopo un bell'aggancio e a reclamare, ancora senza successo, un rigore dopo essere stato atterrato: per l'arbitro è simulazione. Nel finale c'è spazio anche per Sounas e Cancellotti (fuori Vanbaleghem ed Elia) e la vittoria del rilancio sembra ormai in tasca, ma è proprio Cancellotti a beffare Fulignati (rimaasto inchiodato sulla linea) e a 'gelare' il Perugia al 90' nel tentativo di anticipare il nuovo entrato Russini. Solo un pari e Padova capolista lontano sette punti.

Perugia, momento no: Caserta sul banco degli 'imputati' con Santopadre

Cesena-Perugia 1-1

IL TABELLINO:

CESENA (4-3-3): Nardi; Longo, Ricci, Ciofi (8' st Maddaloni ), Favale (31' st Zappella); Steffé, Di Gennaro, Collocolo; Bortolussi (31' st Nanni), Caturano (8' st Sorrentino), Zecca (23' st Russini). A disp.: Benedettini, Fabbri, Gonnelli, Lepri, Capellini, Petermann. All. William Viali

PERUGIA (4-3-1-2): Fulignati; Elia (40' st Cancellotti), Sgarbi, Angella, Crialese; Vanbaleghem (40' st Sounas), Moscati, Kouan; Minesso (13' st Vano); Murano (30' st Monaco), Melchiorri (30' st Bianchimano). A disp. Minelli, Bocci, Favalli, Burrai, Lunghi. All. Fabio Caserta

ARBITRO: Feliciani di Teramo

MARCATORI: 15' st Favale (P, aut.), 45' st Cancellotti (C, aut.)

NOTE: Ammoniti: Ciofi, Steffè (C), Vanbaleghem, Bianchimano (P)

Continua a leggere per la cronaca 'live' >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesena-Perugia 1-1: Grifo beffato al 90', la vetta diventa un 'miraggio'

PerugiaToday è in caricamento