Perugia, Falzerano a tutto campo: dall'esclusione al ritiro passando per Oddo, Cosmi e la 'tentazione' Benevento

Anche il jolly del Grifo in quarantena per l'emergenza coronavirus: "Non sono uno che manca di rispetto alle persone o non rispetta i ruoli. Qui sono troppo felice e sento l'affetto dei tifosi, ma ogni tanto penso a Inzaghi..."

Una quarantena solitaria quella di Marcello Falzerano, il 'pianista' del Grifo isolato in casa per l'emergenza coronavirus come gli altri calciatori del Perugia e il resto deli italiani. "La mia fidanzata è Roma e io purtroppo non posso suonare, perché il pianoforte mi si è rotto proprio nel momento peggiore - confessa il 'jolly' biancorosso -. Come passo le giornate?  Mi sveglio e faccio colazione, poi provo a cucinare e oggi per esempio ho provato a fare il pane, di pomeriggio mi alleno mentre la sera guardo serie tv: ora sto facendo la maratona 'Vikings' e dopo due giorni sono già alla terza stagione...". 

Un isolamento diverso quello che si era invece trovato ad affrontare a fine febbraio, quando è rimasto fuori dai convocati nei match con Empoli e Pisa per motivi disciplinari. "Ha avuto un comportamento inaccettabile, per me e per la società, ma è finito tutto quando è venuto a chiedere scusa" ha spiegato qualche giorno fa il tecnico Cosmi, 'spalleggiato' poi anche dal presidente Massimiliano Santopadre. "Ho letto anche io le loro dichiarazioni - confessa Falzerano - e preferirei non parlarne né commentare. Posso solo dire che io ho sempre rispettato il gruppo e anche chi guid ail gruppo come allenatore, presidente e società: per come sono fatto questa è una cosa che mi è semrpe appartenuta e sempre mi appartererrà. Sono uno che difficilmente manca di rispetto alle persone o non rispetta i ruoli". 

VIDEO Il regalo del Perugia alla tifosa in quarantena: "Pronto Paola? Sono Cosmi..."

Un caso, quello, comunque rientrato, tanto che negli ultimi due march giocati al 'Curi' contro Benevento e Salernitana il 'jolly' è tornato a titolare come mezzala destra del centrocmapo biancorosso: "Un ruolo in cui sinceramente non mi sento 'adattato' come dicono in molti. È vero che sono una mezzala atipica e che è difficile trovarne altre con le mie caratteristiche nelle altre squadre, però mi piace giocare in quella zona del campo. Anche a Venezia del resto venivo schierato lì nel 3-5-2 di mister Pippo Inzaghi, molto simile a quello di Cosmi". Facendo così bene che in estate l'ex tecnico del Milan ha provato a portarselo con sé in quel Benevento che ha fin qui stradominato il campionato di B: "È vero, mister Inzaghi in estate mi voleva a Benevento ma la trattativa non è andata a buon fine. Io sono troppo felice di aver scelto Perugia e l'affetto dei tifosi lo sento, lo avverto e mi gratifica enormemente. L'ambizione però fa parte di ognuno di noi, per un calciatore di B è quello di salire in A ed è normale che ogni tanto il pensiero sia andato lì...".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua a leggere l'articolo >>>

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento