Giovedì, 5 Agosto 2021
Sport

Tirreno-Adriatico 2021, l'Umbria aspetta i big del ciclismo. E Nibali scalpita: "Scenario unico"

Due le tappe che il 12 e il 13 marzo 'toccheranno' il Cuore verde d'Italia: il gruppo passerà per i territori di Umbertide, Gubbio, Gualdo Tadino (dove è in programma un arrivo), Terni (qui una partenza) e Arrone

A poco più da un mese al via della Tirreno-Adriatico 2021 (10-16 marzo) cresce l'attese in Umbria per l'arrivo dei big del ciclismo, dall'azzurro Vincenzo Nibali al britanicco SImon Yates che difenderà il titolo conquistato l'anno scorso. Due infatti le tappe (la terza e la quarta) che attraverseranno il 'Cuore verde d'Italia', con il gruppo che toccherà i territori di Umbertide, Gubbio, Gualdo Tadino (dove è in programma un arrivo), Terni (qui invece una partenza) e Arrone.

LO 'SQUALO' È AFFAMATO - Proprio lo 'Squalo' siciliano intanto scalpita: "La Tirreno-Adriatico è un must del mio calendario di inizio anno, una banco di prova a cui difficilmente ho saputo rinunciare - spiega Nibali, due volte vincitore della 'Corsa dei Due Mari' -. È stata una gara che mi ha dato grandi soddisfazioni, come nel 2012 e 2013, ma è anche servita per darmi la scossa per il prosieguo della stagione. E poi c’è una cornice unica come il centro Italia, che ben conosco. Dalla Toscana, dove mi sono consacrato come giovane corridore, alle Marche, un territorio stupendo che ho imparato ad amare recentemente, senza dimenticare regioni come Umbria, Abruzzo o Lazio. Anche quest’anno, sarò più che felice di essere al via”.

Ecco le tappe umbre...

LA 3ª TAPPA (12 marzo): Monticiano-Gualdo Tadino (189 km):

Percorso - Tappa ondulata nella prima parte e sostanzialmente pianeggiante nella seconda. Si attraversa ancora il Senese per Murlo e Asciano prima di giungere a Cortona e poi in Umbria attraverso l’unico Gpm (gran premio della montagna) di giornata al Poggio della Croce. Ridiscesi su Gubbio si percorrono strade prevalentemente diritte e pianeggianti fino all’arrivo.

Ultmi chilometri - Ultimi chilometri per la prima parte ondulata e quindi prevalentemente a salire. All’ultimo chilometro si segnala una svolta piuttosto accentuata verso sinistra dove comincia il finale dapprima con ampie curve per finire in rettilineo. La retta finale è in leggera salita con pendenze attorno al 4%. Linea di arrivo su rettilineo in asfalto larga 8 metri.

LA 4ª TAPPA (13 marzo): Terni-Prati di Tivio (148 km):

Percorso - Tappa con arrivo in salita. Si raggiunge la massima quota di questa Tirreno-Adriatico al GPM a Prati di Tivo a 1450 metri. Percorso breve, ma molto intenso. Salita alla Forca di Arrone per entrare nella piana reatina. Segue l’attraversamento di Rieti per affrontare la Sella di Corno seguita dalla lunga discesa verso l’Aquilano. Si affronta quindi la salita al Passo Capannelle classificata GPM Superior. La discesa successiva di quasi 30 km è caratterizzata da molte curve e due lunghe e ben illuminate gallerie. Ultimi 14 km totalmente in salita verso la stazione sciistica.

Ultimi chilometri - Salita finale lunga 14.5 km al 7% di media con punte fino al 12%. Conta 22 tornanti e presenta le maggiori pendenze nella prima parte con punte durante l’attraversamento di Pietracamela dove è lo sprint intermedio. Ultimi tre chilometri al 7%. Rettilineo d’arrivo di circa 200 m su fondo asfaltato, arrivo largo 7 metri.

tirreno_adriatico_2021_00-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirreno-Adriatico 2021, l'Umbria aspetta i big del ciclismo. E Nibali scalpita: "Scenario unico"

PerugiaToday è in caricamento