Sport

Modena-Perugia, la vigilia di Caserta: "A Modena il primo vero esame"

Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia il Grifo si rituffa sul campionato e va a caccia del poker sul campo degli emiliani (domenica 1 novembre, ore 15). Il tecnico: "Affronteremo una delle squadre costruite per vincere"

Archiviata la Coppa Italia con l'eliminazione al terzo turno dopo la sconfitta di Brescia, il Perugia si rituffa sul campionato e va a caccia del poker dopo le ultime tre vittorie di fila che lo hanno riportato a ridosso della vetta. Lo farà domani (domenica 1 novembre, ore 15) sul campo del Modena che ha 13 punti, come il Grifo e altre tre squadre, uno in meno delle capolista Padova e Sudtirol.  

"Sarà una partita difficile - afferma Fabio Caserta allla vigilia -, entriamo nel vivo del campionato e questa partita rappresenta il vero primo esame, contro una squadra forte nei singoli e come collettivo, che a differenza di quelle incontrate finora è una di quelle costruite per vincere. Servirà massima concentrazione, ma sono certo che i ragazzi faranno una grande prestazione. Non siamo più la squadra dell'inizio e il gruppo lavora duramente e con determinazione per migliorare".

Un 'concept' per lo stadio Curi: le immagini del progetto

Una sfida, quella in terra emiliana, a cui il tecnico del Grifo arriva con qualche problema: "Purtroppo sono ancora indisponibili Kouan, Burrai, Minesso, Negro e Angella. Spero di recuperarli prima possibile, ma intanto dietro siamo un po' corti". Tanto che Caserta sembra tentato di ornare alla difesa a quattro: "Le caratteristiche per fare il centrale le hanno anche altri calciatori oltre ad Angella, ma con lui e Negro out siamo pochi e quindi valuterò se giocare a tre o a quattro". 

Al di là del modulo il timoniere biancorosso chiede lo stesso spirito visto nelle ultime partite: "Noi dobbiamo mettere in campo tutto quello che sappiamo fare, anche se poi è normale rapportarsi all'avversario e cambiare qualcosina di volta in volta. Nella fase difensiva ad esempio non si possono regalare due o tre giocatori e bisogna difendersi tutti insieme quando c'è da farlo, così come andare a pressare alto tutti insieme quando serve. In questo dobbiamo crescere e migliorare, saper leggere le situazioni partita dopo partita".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modena-Perugia, la vigilia di Caserta: "A Modena il primo vero esame"

PerugiaToday è in caricamento