menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadella-Perugia 2-0, Cosmi amaro: "Iemmello e Melchiorri si sono litigati la palla. E sul primo rigore..."

Il tecnico biancorosso analizza il ko del Tombolato dopo una gara condizionata dalle assenze, dall'errore di 'Re Pietro' e dall'infortunio di Angella oltre che dalle decisioni dell'arbitro

C'è più di un rammarico nelle parole pronunciate da Serse Cosmi dopo il 2-0 subito dal suo Grifo a Cittadella. Si parte dall'occasione non sfruttata da Iemmello in avvio: "Quella era un'occasione vera: si sono litigati quel pallone per decidere chi doveva far gol e invece così non è stato. Poi c'è anche la bravura di Paleari ma un gol lì avrebbe potuto darci fiducia e cambiare, forse, il corso della partita".

IL PRIMO RIGORE - Poi sul primo rigore: "Mentre sul secondo mi dicono che il tocco di mano (di Mazzocchi, ndr) c'era, ho rivisto le immagini del e confermano la sensazione che avevo avuto dal campo: il fallo poteva esserci a inizio azione, quando i due erano fuori area, dopo invece è stato bravo l'attaccante a lasciarsi cadere. L'arbitro avrebbe dovuto essere aiutato dall'assistente e comunque mi chiedo: se era rigore perché Rosi non è stato espluso?".

Cittadella-Perugia 2-0: le pagelle del Grifo

'FRECCIATE' - Ma che non sarebbe stata serata si è capito presto: "L'ammonizione in avvio di Konate mi è parsa esagerata e lo ha condizionato, perché lui ha una certa tipologia di gioco e non entrava più, tanmto che poi l'ho dovuto togliere. Poi abbiamo perso presto Angella, che era alla terza gara in una settimana e tra quelli che non ho potuto far riposare per via di squalifiche e infortuni". Non solo sfortuna però: "In alcuni momenti abbiamo giocato con presunzione e ho visto un atteggiamento che non mi è piaciuto, perché abbiamo creduto davvero in noi solo negli ultimi venti minuti (con Buonaiuto già entrato al posto di Iemmello, ndr). Alla fine però è tornato fuori il problema che accompagna da tempo  questa squadra, almeno da quando sono arrivato io a gennaio: quello del gol. Nel calcio contano la tattica e tante altre cose, ma se non fai gol è tutto inutile".

TRA INFERMERIA E PORDENONE - Cosmi ora dovrà cercare di ricaricare i suoi in vista della prossima sfida, in programma venerdì (3 luglio) al Curi: "Dovremo essere bravi a 'capire' questa sconfitta più che dimenticarla, poi faremo la conta di chi c'è. Corsa playoff compromessa? Bisogna vincere la prossima partita, e non sarà facile, per tornare in gioco. Vediamo anche chi avrò a disposizione: sapevo che sarebbe stata dura per tutti questa ripresa, perché le rose in B sono quelle che sono, ma noi siamo oggettivamente in difficoltà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento