Sport

Perugia, il rimpianto di Bazzani: "Il ko con lo Spezia colpa mia, ecco perché..."

Il vice di Cosmi, in quarantena come tutti i biancorossi per l'emergenza coronavirus, si confessa: "Dovevo far capire al mister certe cose. Il 3-5-2 ci ha ridato un'identità e se il campionato riprende può succedere di tutto..."

Con il calcio in quarantena per l'emergenza coronavirus, in attesa di sapere se, come e quando ripartiranno i campionati, in casa Perugia c'è chi ne approfitta per studiare come Fabio Bazzani. Il vice di Serse Cosmi si divide tra i compiti famigliari e il lavoro in rigorosa modalità 'smart': "Mia moglie si occupa di seguire i figli soprattutto nello studio, con le lezioni online, io cucino per loro e penso al cane e mi ritaglio il tempo per guardare un po' di partite al pc anche se senza l'adrenalina della partita che arriva non è la stessa cosa. Per il resto mitengo aggiornato sulla situazione del Paese e sentendo i miei amici di Brescia mi sento fortunato. Il campionato? Mi auguro di sbagliarmi, ma al momento fatico a immaginare una ripresa".

GRIFONERIE Rifondare il Perugia copiando l’Atalanta? Un'idea per Santopadre, Goretti e Cosmi

E se ripresa ci sarà pare inevitabile un ridimensionamento del sistema calcio: "Ovvio che il calcio non può essere esente dalle conseguenze della crisi, ma pima di tutto va garantita la salute. Sul quando ripartire credo che i tempi e i modi siano competenza della sfera medica e scientifica, poi il calcio dovrà adeguarsi e organizzarsi di conseguenza. In qualsiasi caso qualcuno avrà comunque da lamentarsi, mi auguro solo che queste lamentele vengano fatte a voce bassa perché altrimenti a Brescia o a Bergamo ci sarebbe una rivolta sociale. Finire il camnpionato in estate? Ripeto, noi dobbiamo essere disponibili a seguire le decisioni che verranno prese".

Se il futuro è incerto si può però parlare del passato, analizzando soprattutto quello più recente: "È stato un peccato essersi fermati dopo la vittoria con la Salernitana ma il rimpianto è anche per quello che non siamo riusciti a fare nelle cinque gra precedenti. Il ritiro di Cascia ci era servito a confrontarci in maniera forte e a focalizzarci sui problemi e questo atteggiamento è arrivata la vittoria. Se si ripartirà, con 30 punti a disposizione, può succedere di tutto: a parte il Benevento capolista e il Livorno, che secondo me è ormai troppo staccato in coda, può succedere tutto e il contrario di tutto. Sarà una roulette russa". 

Falzerano a tutto campo: dall'esclusione al ritiro passando per Oddo, Cosmi e la 'tentazione' Benevento

Di certo il Grifo non abbandonerà più il 3-5-2, modulo che Cosmi e Bazzani hanno ormai sposato in maniera definitiva: "Dopo la scoppola con lo Spezia e il ko di Frosinone abbiamo provato a cambiare qualcosa passando al 4-3-3. Con l'EMpoli siamo andati bene nonostante il ko, perché avevamo 'azzeccato' la partita, ma credo che lì abbiamo perso un po' la nostra identità ritrovata poi nel 3-5-2 contro il Benevento e la Salernitana. Peccato perché, Pisa a parte, in quella serie negative sarebbero bastati anche due o tre pareggi per non farci perdere certezze".

Continua a leggere l'articolo >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, il rimpianto di Bazzani: "Il ko con lo Spezia colpa mia, ecco perché..."

PerugiaToday è in caricamento