Perugia, la quarantena di Falasco: "Cosmi infuriato non lo dimenticherò, ma io sono da Grifo"

Il difensore, a casa come gli altri grifoni per l'emergenza coronavirus, si allena a distanza con i vicini Rajkovic ("Un grande") e Nicolussi ("Farà strada") e gioca alla play schierandosi a sinistra in difesa: "Il 3-5-2 è il mio modulo ideale"

Il Perugia è in quarantena per l'emergenza coronavirus, che ha costretto a fermare anche i campionati, ma c'è qualche grifone meno solo di altri in questi giorni di isolamento. Uno di questi è Nicola Falasco, che continua in parte a sentire aria di spogliatoio: “Nel residence dove vivo hanno un appartamento anche Nicolussi Caviglia e Rajkovic, così fortunatamente riusciamo ad allenarci un po' insieme rispettando comunque la giusta distanza. Per il resto passo il tempo giocando alla play, ma senza il mio parrucchiere Mazzocchi – dice sorridendo il 26enne difensore biancorosso – mi si sono allungati i capelli”. 

Perugia, parla Iemmello: "È vero, c'era il Parma, ma certe critiche... Cosmi? È buono"

Più serio si fa invece quando parla del suo Veneto stremato dall'epidemia, lui che è padovano di Piove di Sacco: “Cerco di sentire il più spesso possibile i miei genitori e i miei nonni anziani, che stanno tutti a casa e fortunatamente stanno bene. Ho però tanti amici anche nella zona di Brescia, dove sono stato 6 anni, e una ragazza che conosco bene e lavora all'ospedale civile mi racconta brutte cose. Stando a casa speriamo che tutto questo finirà presto”. Difficile con questo stato d'animo pensare alla ripresa degli allenamenti e del campionato, ma Falasco ci prova: “Dopo un brutto periodo nelle ultime due gare con Benevento e Salernitana la squadra ha dato segnali positivi. Anche se questo stop condizionerà un po' tutti a livello fisico, sono certo che possiamo finire bene il campionato. Ne sono convinto, la squadra è competitiva e molto forte, il nostro obiettivo sono i playoff e io sono sempre stato sicuro di raggiungerli”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Grifo in quarantena si guarda allo specchio: 'mea culpa' di Cosmi e Falcinelli

E sicuro era anche in estate, quando voleva far ricredere la società che aveva deciso di cederlo: “Io ho sempre pensato ad allenarmi bene, leggendo poco i giornali e le notizie. C'era la possibilità di andare al Chievo ed ero combattuto: volevo restare al Grifo ma c'era la possibilità di avvicinarmi a casa in quel periodo in cui mia madre si era operata. Alla fine sono rimasto e ho sempre dato il massimo in ogni allenamento. Con Oddo poi mi sono trovato subito bene, perché mi ha dato sempre fiducia. Io ho cercato di ripagarlo e di dimostrare anche alla società, sempre nel rispetto di tutti, che magari poteva sbagliare”. A gennaio poi è arrivato Cosmi, con cui c'è stato subito feeling ma anche un momento di burrasca dopo il rosso rimediato da Falasco a gara finita proprio a Verona, nel match perso contro il Chievo: “Quei dieci minuti dopo il rientro negli spogliatoi non me li dimenticherò mai, ma il mister ha fatto bene a dirmi tutto quello che mi ha detto:  avevo sbagliato e me lo meritavo. Alla ripresa poi ho chiesto scusa ai compagni e allo staff”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento